giovedì 31 gennaio 2013

Recensione: BLACK CAPRICORN "Born Under the Capricorn"
LP 2013 - stone stallion rex | voice of azram




Anche la Sardegna si dimostra regione fertile per ciò che riguarda l'Underground musicale. Autori di un ritorno magnetico sono i cagliaritani BLACK CAPRICORN che nel 2011 debuttarono con l'omonimo album uscito per 12th Records. Nati nel 2008, questi musicisti sono stati in grado di assimilare il meglio della vecchia scuola classica del rock/heavy per manipolarlo secondo un proprio sentire. Lo sviluppo del loro sound è un qualcosa che colpisce per energia e phatos, grazie ad una accordatura esemplare e a delle ritmiche avvolgenti e sinistre. Poi c'è la voce di Matteo che regala una prestazione di elevato spessore. Anche se i nostri sono sicuramente influenzati dagli intramontabili Black Sabbath e dalle drogate allucinazioni degli Electric Wizard, sanno bene come differenziare la propria proposta piena di follia e depravazione. Già l'opener sguinzaglia i loro demoni incattiviti dal tempo! Difficile trovare dei punti di riferimento ben definiti nella durata dell'intero disco, perché le cinque tracce oscillano libere da qualsiasi forzatura. Il motivo fosco della loro musica assorbe integralmente, riflettendosi ed impastandosi col tono marcio di un basso che dal fondo smuove fango e roccia. "Born Under the Capricorn" è una demarcazione spaziale e la fitta grana che lo contraddistingue marca ogni passaggio come un vortice in esecuzione. Un album che si articola ed agisce come la conseguenza di uno scontro di forze. Crudi e diretti, in poche parole una oscura delizia. Non fate l'errore di ignorarli. Supporto! L'album registrato tra il 2011 ed il 2012 vedrà la luce in vinile nel Febbraio/Marzo 2013 (limitato a 300 copie in due differenti colori) grazie a due etichette tedesche: Stone Stallion Rex (ala della Funeral Industries) e Voice of Azram.

Contatti: blackcapricorn666.blogspot.it

"BORN UNDER THE CAPRICORN" TRACKLIST: Capricornica, Double Star Goatfish, Scream of Pan, Tropic of Capricorn, Born Under the Capricorn.


Nessun commento:

Posta un commento