venerdì 15 febbraio 2013

Recensione: THE AMENTA "Flesh Is Heir"
CD 2013 - listenable records




Questa è una formazione assurda e imprevedibile, la loro ascesa malefica continua a sorprendere positivamente di album in album perché i THE AMENTA sono dotati di una raggiante personalità compositiva! Qualità non molto comune nell'attuale scena estrema. Ricordo quanto rimasi colpito dall'esordio "Occasus" del 2004, fu un disco unico, che resterà impresso per sempre nella mia mente! Proprio da quel periodo non fui più in grado di scrollarmi di dosso questi musicisti, tanto che comprai una copia del loro fantastico secondo full-length "nOn". La musica degli australiani rappresenta innanzitutto una personale abolizione di qualsiasi forma stereotipata o pre-costituita, e in essa racchiudono magnificamente il concetto di evoluzione. "Flesh Is Heir" è destinato a diventare uno degli album più intensi del 2013! E' death metal industriale violentissimo, tecnico, pulsante, ispirato, controllato da ingranaggi industriali e atmosferici di una potenza incredibile, meccanismi contorti che muovono la manifestazione della ribellione spirituale, portata a noi dal dio del male. Nel suo paradigma viene accompagnato dai The Amenta, figli della sua vendetta e della trasfigurata rappresentazione. Con "Flesh Is Heir" l'oscuro osservatore ci guida verso l'apocalisse! Monolitici nella loro efferata bellezza. Consigliati agli amanti di Behemoth, Zyklon, Anal Nathrakh. Uscita prevista per il 22 Marzo 2013.

Contatti: theamenta.com

"FLESH IS HEIR" TRACKLIST: Flesh Is Heir, Ego Ergo Sum, Teeth, Womb Tone, Obliterate's Prayer, Sewer, The Argument, Cell, Disintegrate, Palimpsest, Tabula Rasa.


Nessun commento:

Posta un commento