giovedì 28 febbraio 2013

Intervista: EARLY MAMMAL - "IL LUPO NASCOSTO NEL BOSCO"






GLI EARLY MAMMAL PROVENGONO DAL SUD DI LONDRA, SONO UNA NUOVA REALTA' MUSICALE E BASTANO POCHE, ANZI POCHISSIME NOTE PER CAPTARE LA LORO GRANDE PERSONALITA'. SUONANO UNA SORTA DI STONER ALLUCINATO, UN SOUND CHE GUARDA AL PASSATO CON LA FORZA DELLE DINAMICHE VINTAGE, ANCHE SE, QUESTI TRE MUSICISTI RIESCONO A TRASMETTERE UNA TENSIONE INTROSPETTIVA RICCA DI SOFFERENZA. HO CHIACCHIERATO CON IL CANTANTE CHITARRISTA ROB HERIAN.

1. Ciao, prima di tutto, grazie per aver deciso di rispondere a questa intervista...

- Il piacere è mio.

2. Gli Early Mammal sono un gruppo abbastanza nuovo, quindi a beneficio di chi non ha conosciuto/ascoltato la vostra musica, ci puoi dire qualcosa sulla band? Da dove provenite?

- Quando la mia vecchia band (Elks) ha terminato la sua attività (poco più di un anno fa), ho cominciato subito a parlare con vari amici per cercare di iniziare qualcosa di nuovo. Avevo un sacco di idee e mi è servito solo il tempo per trovare alcuni grandi musicisti con cui lavorare. Conoscevo Ben già dal periodo delle nostre precedenti band, avevamo suonato insieme e sapevo che era un batterista fantastico, ero certo avrebbe aggiunto qualcosa di speciale per la musica che avevo in mente. Ho conosciuto Deniz allo studio Dropout, infatti, ai tempi anche gli Elks stazionavano li da alcuni anni ed è il posto dove ora si trovano gli Early Mammal. Deniz è pieno di buone idee, è un altro musicista di grande talento e, come Ben, riesce a spingere maggiormente le idee che ho avuto. Abbiamo anche suonato con un paio di altri bassisti nel corso dell'ultimo anno, ma nessuno di questi è entrato a far parte della band. Quindi, per il momento gli Early Mammal sono tre componenti che si aggirano intorno a Londra, ma che si ritirano spesso nei boschi ogni volta ci sia l'occasione.



3. "Horror at Pleasure" è un grande debutto. Dove è stato registrato l'album? Puoi parlarmi un po' del lavoro?

- Abbiamo registrato nel Dropout a Camberwell, a sud di Londra. E' un ottimo studio dove è facile mantenere un suono grezzo e vivo con una grande serie di microfoni vintage. Mentre scrivevamo l'album eravamo anche intenti a registrare i cambiamenti che stavamo apportando alle canzoni, in ogni settimana, quindi, abbiamo avuto l'opportunità di ascoltare, modificare e cambiare i brani, infatti non sono mai stati la stessa cosa per due volte. Suonavamo "fucking loud" ed era grande sentire gli strumenti che si distorcevano l'un l'altro. Quando si è trattato effettivamente di registrare, nel mese di settembre dello scorso anno, avevamo a disposizione due giorni e un sacco di canzoni che erano una sorta di "finito", quindi abbiamo suonato tutto più o meno live, aggiungendo sovraincisioni alle percussioni e qualche field recordings. Il brano, "Checking the Bullshitter’s Queen" è stato inventato sul posto, non esisteva prima delle sessioni di registrazione e la versione che si sente sul disco è l'unica esistente. Abbiamo registrato circa dodici o tredici brani in totale, poi, dieci di questi sono finiti su "Horror at Pleasure". Tutte le canzoni sono venute fuori da queste lunghe jam tra noi e da tutti i montaggi (perfettamente eseguiti) per farlo sembrare un unico pezzo lungo, perciò sento l'album come un qualcosa di non-stop. Inoltre, vorrei pubblicazione un brano singolo lungo 40 minuti. Questo è il nostro modo di suonare dal vivo.

4. Mi puoi dire di più sulle vostre canzoni/stile musicale? Nel vostro lavoro c'è chiaramente in esecuzione un vasto spazio di diverse influenze musicali... I riff diventano spesso pesanti/stoner, ma in essi trovo molte soluzioni diverse e articolate che creano una sorta di tensione dolorosa. E' un qualcosa che volevate ottenere?

- Noi tre abbiamo un sacco di nostre influenze personali, ma questa è anche un'esperienza di condivisione: ascoltiamo dischi, beviamo, fumiamo e facciamo jamming. Io non so dirti qual'é il tipo di musica che suoniamo... davvero, è solo rock, credo. Mentre creavamo il disco ero cosciente che il ritmo doveva essere una priorità, con un sacco di riff, chiavi di guida differenti e un drumming pesante. Volevo far muovere le canzoni, ma dandogli un senso particolare che in qualsiasi momento poteva andar fuori dai binari. Il nostro genere è quello che potrebbe venir fuori ascoltando i vari Captain Beefheart, The Edgar Broughton Band, Hawkwind e band dedite alla jam come Acid Mothers Temple, Mainliner and High Rise.



5. Di solito come si sviluppa il vostro processo di songwriting?

- Noi suoniamo per vedere cosa salta fuori. Non siamo un gruppo nel quale una persona si presenta con un pugno di canzoni e dice agli altri cosa fare. Potrei passare un sacco di tempo a pensare alle varie idee, ma non chiederei mai a Ben e Deniz di suonare quelle idee in un certo modo. Non ho bisogno di dirgli nulla, sono dannatamente bravi in quello che fanno.

6. Il motivo che vi ha portato alla scelta dell'artwork? Qual è l'idea che sta dietro il titolo dell'album?

- L'artwork e il titolo dell'album sono pura fantasia. E' tutta fantasia. Anche se potrei dirvi di più... C'è sempre qualcosa che si potrebbe non dire, in modo da darvi l'opportunità di aprire la vostra mente. Buon divertimento!

7. A proposito dei vostri testi, ci sono temi diversi all'interno dei brani?

- Ho creato musica seriamente per quasi venti anni. Ho passato un inferno, spendendo un sacco di tempo per cercare di pensare ai testi. Non è mai facile, spesso poteva essere comunque un mucchio di merda. Quindi, negli ultimi anni ho deciso di provare ad avvicinarmi alla voce e alla scrittura dei testi nello stesso modo in cui compongo strumentalmente la mia musica. Ora tutte le mie parti vocali ei testi sono in gran parte spontanei, automatici. Cazzo, ora so cosa può venir fuori e alcuni di essi sono anche abbastanza dark. Se è una linea particolare o un lavoro lirico interessante allora io lo tengo, ma fino a quando qualcos'altro prenderà il suo posto. Facendo in questo modo mi sento anche libero di utilizzare la mia voce in diversi modi, invece di preoccuparmi se le persone potranno sentire quello che sto cantando o capire il significativo della mia poetica. Naturalmente le liriche significano qualcosa e hanno anche temi diversi lungo la loro linea, quindi non sono prive di significato. Ma proprio come il titolo dell'album e l'artwork stesso, lascio che sia l'ascoltatore a decidere come interpretarli.



8. Gli Early Mammal sono una band a tempo pieno?

- Non sono mai stato in grado di supportarmi finanziariamente facendo musica da solo, e non mi aspetto che tutto questo cambi presto.

9. Ovviamente tutti voi nel gruppo avete background diversi... Ma vorrei sapere se ci sono alcune band che hanno influenzato la musica degli Early Mammal. Se si, quali diresti sono i principali?

- Troppi da menzionare, ma provate questi: voci/ritmi dei Captain Beefheart e la chitarra di Peter Green.

10. Se tu potessi dire un qualcosa alle persone in modo da avvicinarli a voi, quale sarebbe? Perché dovrebbero ascoltarvi?

Ha! Facciamo musica con la quale potete scopare, probabilmente.

11. Quali sono le vostre aspettative personali per il 2013?

- Stiamo già scrivendo il prossimo album. Vogliamo suonare alcuni spettacoli sia qui che altrove e incontrare persone interessanti. Questa è una delle cose migliori stando in una band che suona in giro, si arriva a soddisfare tutti i tipi di mostri.

12. Infine, avete dei live o festival in programma in questo momento?

- Il lancio dell'album è il 3 aprile a Londra, dopo, speriamo di andare in tour nel Regno Unito e nei prossimi mesi soprattutto nel resto d'Europa. Mi è piaciuto suonare in Italia con gli Elks e non vedo l'ora di ritornarci con Early Mammal. Non credo che saremo in qualche festival quest'anno, purtroppo, ma non esitate a chiedercelo.

12. Grazie per l'intervista.

- Ciao.



CONTATTI: facebook.com/earlymammal - info@friendswithrecords.co.uk

EARLY MAMMAL line-up:

Rob Herian - Chitarra, Voce
Ben Davis - Batteria, Percussioni
Deniz Belendir - Organo e Synth

RECENSIONE:
EARLY MAMMAL "Horror at Pleasure" CD 2013 - devouter records



Nessun commento:

Posta un commento