mercoledì 13 febbraio 2013

Recensione: ABYSMAL GRIEF "Feretri"
CD | LP 2013 - terror from hell records | horror records




Gli ABYSMAL GRIEF sono parte importante e pulsante del doom-esoterico nostrano, la loro è una lunga storia iniziata nel lontano 1995, un libro antico che anno per anno si lascia sfogliare in tutta la sua lugubre magnificenza, pagine ammuffite dal tempo sulle quali sono rappresentate immagini di un simbolismo occulto e distorto, un universo disegnato sullo sfondo di una chiesa oscurata dal male terreno, una trama arcaica generata dalle menti striscianti di questi lugubri individui. L'essenza della band si manifesta in tutta la sua grandezza attraverso il nuovo capitolo intitolato "Feretri"! Ho trascorso una notte intera ad ascoltarlo più volte in cuffia e ho notato come oltre al fluire delle note, se si fa attenzione, si possono udire le grida disperate di figure dannate tramutate in corvi notturni. L'album è pesante, evocativo, caratterizzato da una produzione marcia e fangosa che può essere considerata a tutti gli effetti DOOM! I brani portati sull'altare sono in tutto sei e si lasciano assaporare nella loro ampiezza. Il sound degli Abysmal Grief va vissuto e interiorizzato più che ascoltato, nel cuore di esso si bagnano le tipiche caratteristiche del genere, prima tra tutte, la profonda essenza che contraddistingueva anche il "vero" spirito dei grandi del passato. Ogni volta che ascolto quel canto nella sua interezza dimentico anche me stesso e tale sensazione non può essere ignorata o evasa, mi aggredisce sempre allo stesso modo rubandomi l'udito. Una grande album! Verrà pubblicato su cd il 14 Febbraio 2013 dall'etichetta italiana Terror From Hell Records, mentre l'edizione in vinile sarà curata dalla danese Horror Records.

Contatti: metal-archives.com/bands/Abysmal_Grief/6686

"FERETRI" TRACKLIST: Lords of the Funeral, Hidden in the Graveyard, Sinister Gleams, Crepusculum, The Gaze of the Owl , Her Scythe.


LA TRACCIA DEL VIDEO UFFICIALE RISALE ALL'ALBUM "MISFORTUNE" (2009)


Nessun commento:

Posta un commento