sabato 9 marzo 2013

Recensione: RESONANCE ROOM "Untouchable Failure"
CD 2013 - my kingdom music




La musica dei catanesi RESONANCE ROOM punta alle emozioni, infatti, il feeling che pervade l'intero nuovo album dipinge scenari cupi, profondi e la particolarità della cromia utilizzata è che ricade indipendente su ogni singola tela ultimata. Ogni capitolo fa storia a sé. Questi ragazzi sanno sfumarsi armoniosamente su continue progressioni che hanno come punto di partenza sonorità tanto care al gothic doom più emozionale (alcuni esempi potrebbero essere: Katatonia, Anathema, Antimatter), per poi spingersi oltre ogni limite di genere. Hanno migliorato il modo in cui si approcciano al songwriting ed ascoltandoli attentamente ci si accorge di quanto suonino più aperti rispetto al precedente "Unspoken". "Untouchable Failure" descrive perfettamente il loro presente, ovvero musica che unisce la luce e l'oscurità. Si tratta di un viaggio lungo, attraverso il quale l'ascoltatore è accompagnato verso immaginari che appaiono/scompaiono velocemente come le intense emozioni. Una particolare nota di merito al cantante Alessandro Consoli (sempre attento nella sua modulazione vocale). Davvero interessanti i Resonance Room, anche se, personalmente, mi coinvolgono maggiormente quando si mantengono su architetture più semplici e meno virtuose. Un album di buona qualità! Uscita 18 Marzo.

Contatti: facebook.com/ResonanceRoom

"UNTOUCHABLE FAILURE" TRACKLIST: The Great Insomnia, Cages of Dust, So Precious, New Life, Naivety and Oblivion, Outside the Maze, A Picture, Unending Loss, Prometheus, Faded.