mercoledì 21 novembre 2012

Recensione: LOTHORIAN "Welldweller"
DIGITAL ALBUM 2012 - autoprodotto




Dal Belgio emerge la bestia denominata LOTHORIAN. Una forza oscura che assorbe linfa nel luogo in cui vengono condannate le anime malvagie e colpevoli. Il fuoco infernale brucia con "Welldweller"! Materiale solido quello contenuto in questo disco... Un flusso di nevrotiche intenzioni si diffonde lentamente sulla roccia sottostante. "Witchhunt" apre la crosta terrestre provocando un degassamento del magma dal quale prende forma la densa title track. Sventra la superficie più dura lo Stoner, Sludge, Doom dei nostri! "Atmosphere" è granitica nei riffs cadenzati che ricordano i vecchi grandi Black Sabbath, mentre la successiva song "Doomsday Calling" frana sul cranio con movimento in caduta veloce e disastroso. C'è groove allucinato nello scorrere dei minuti. ..."Cult" rappresenta un'erosione letale dove non c'è nessuna possibilità di salvezza. Tutto trema, così
il nostro corpo è pronto a farsi risucchiare velocemente nelle viscere della terra. "Shallow Ground" ci porta alla fine del tempo dove ogni essere vivente è stato deturpato. "Welldweller" è un debutto spietato.

Contatti: lothorian.bandcamp.com - facebook.com/Lothorianband

"WELLDWELLER" TRACKLIST: Witchhunt, Welldweller, Atmosphere, Doomsday Calling, Cult, Shallow Ground.


Nessun commento:

Posta un commento