sabato 24 novembre 2012

Recensione: AMBASSADOR GUN "Golden Eagle"
cd 2012 - prosthetic records




Questi si che fanno male! Gli AMBASSADOR GUN suonano grindcore ma di quello fatto bene e mai fine a se stesso. Finalmente si sentono dei riffs interessanti, ispirati, su ritmiche disumane assolutamente killer. Un sound infiammato pronto a sovrastarvi nelle continue accellerazioni.
Di brano in brano questi tre criminali del Minnesota fanno piazza pulita sfoderando una prova convincente grazie alla bravura in fase di songwriting... Fa impressione il fatto che questo gruppo non mette mai in primo piano solo l'aspetto efferato della propria proposta, quindi, tutto diventa più appetibile e gustoso. Sicuramente gli Ambassador Gun avranno dei punti di riferimento importanti nel genere grind (Nasum?!?!), da loro hanno saputo prendere il necessario per poi rafforzare una propria identità/personalità espressiva. Le sensazioni dei momenti più groove sono amalgamate a dovere e poste inevitabilmente al servizio dei brani si spingono oltre, iniettano forza deflagrante, impatto dirompente! “Golden Eagle” penetra i tormenti di ognuno di noi raschiando agevolmente il fondo di ogni angoscia. Un disco da ascoltare a volumi alti.

Contatti: myspace.com/ambassadorgun

"GOLDEN EAGLE" TRACKLIST: Wounded Knee, Christbastard, Slowbled, Warpainted, Sunshine Acid, Cover Tracks/Sever Ties, Crack Ikon, Chris Brown, Unleashed, Circle the Lord of Flies, No Suffering.


Nessun commento:

Posta un commento