domenica 23 dicembre 2012

Recensione: ARKTAU EOS "Ioh-Maera"
cd 2012 - svart records




"Ioh-Maera" è uno dei due capitoli dei Finlandesi ARKTAU EOS. L'11 dicembre avevo già recensito "Unworeldes" uscito su Lp sempre per Svart Records. Anche qui il rituale nero non cambia nella sua cupissima deframmentazione. Interrompendo la continuità del reale, i suoni generati da questi esseri nascosti nel nulla provocano l'artificiale collocazione delle visioni suscitate in una condizione di estremo disagio mentale. Questa musica può rivelare parte della tragedia umana vista dalle profondità dell'essere ma gli Arktau Eos riescono a scrutarla con occhi maligni anche dall'interno di una foresta buia e desolata, in sembianze inconsuete e pericolose. Troppo vera la tensione, troppo vero il dolore per essere sostenibile tramite un approfondimento del tutto razionale. Questa è musica per riflettere al buio perché è capace di assumere una verità assoluta, irrazionale, surreale.

Contatti: facebook.com/pages/Arktau-Eos/123979047646990

"IOH-MAERA" TRACKLIST: Unbinding Kaamos, Noxfaros, Sunken Luminaries, Ioh-Maera, Otherstone Refracti


Nessun commento:

Posta un commento