martedì 2 aprile 2013

Recensione: WARBEAST "Destroy"
CD 2013 - housecore records




Molti di voi sapranno che i WARBEAST (nati nel 2008) sono stati prodotti da un certo Phil Anselmo, determinato a spingerli con la sua Housecore Records già dall'esordio "Krush The Enemy" (2010). Questi texani, nei quali milita il vocalist Bruce Corbitt (ex. Rigor Mortis), per certi riferimenti stilistici, potrebbero essere accostati tranquillamente allo stile degli ultimi Sodom. La band di Tom Angelripper è l'influenza maggiore per i Warbeast, tanto da assomigliargli non solo nell'approccio sugli strumenti, ma anche nella voce dello stesso Corbitt. Nello scorrere delle song si respira l'odore del ferro arrugginito posto alla base di un sound corrosivo e old oriented. Questo è thrash metal che deve molto alla scuola tedesca. Stavolta al processo di composizione si è aggiunta una certa freschezza (soprattutto nei riff) e forse una maggiore pulizia sui suoni dell'intero album. Se proprio bisogna dargli un marchio, allora credo che la sua definizione sia quella che si avvicina alla realtà sottolineata dalle mie parole. Il risultato finale suona compatto ed heavy. Ovviamente ognuno decide quello che vuole sentire e a me questo interessa poco. Personalmente penso che i Warbeast abbiano pubblicato un disco consigliato a tutti i numerosi amanti di queste sonorità.

Contatti: facebook.com/warbeast1

"DESTROY" TRACKLIST: Cryogenic Thawout, Nightmares in the Sky, Egotistical Bastard, Nobody, The Day of…, Warbeast, Blood Moon, War of the World, Destroy, Nameless.


Nessun commento:

Posta un commento