lunedì 29 aprile 2013

Recensione: COLLAPSE UNDER THE EMPIRE "The Silent Cry"
EP 2013 - sister jack




Chris Burda e Martin Grimm sono le menti di COLLAPSE UNDER THE EMPIRE, provenienti da Amburgo. Reputo l'EP "The Silent Cry" molto più bilanciato rispetto ai precedenti "Systembreakdown" (2009), "Find a Place to Be Safe" (2010), "Shoulders & Giants" (2011), "Fragments Of A Prayer" (2012). Ovviamente quei lavori non erano da meno in quanto a personalità e originalità. I nostri con il passare degli anni hanno accumulato buona esperienza trasportandola sull'attuale processo compositivo, che si differenzia per la grande singolarità. Insomma, c'è qualcosa in più all'interno del sound di "The Silent Cry", c'è una profonda tensione visibile e tangibile dall'esterno. Ascoltando tonnellate di band simili
a questa, si mette subito a fuoco che i C.U.T.E. si concentrano sulla bellezza della propria musica per esplorare scenari diversi e sentiti, forse non in modo così estremo come potreste pensare voi, però i due musicisti affrontano un altro passo decisamente importante e fanno di tutto per venirne fuori in maniera vincente. Fortunatamente ci riescono. Chris e Martin hanno avuto il coraggio di farsi strada da soli, con forza, investendo sulla propria creatività, senza sfruttare l'attenzione nei confronti di un genere già consolidato. Delle sei song dell'EP le mie preferite sono l'opener "We Are Close As This", "Infernal". Gli amanti del post rock strumentale vicino a God Is An Astronaut, Explosions In The Sky, Mogwai, apprezzeranno. Complimenti COLLAPSE UNDER THE EMPIRE.

Contatti: collapseundertheempire.com

"THE SILENT CRY" TRACKLIST: We Are Close As This, Stjarna, The Silent Cry, Infernal, Ashfall, Shut Off The Lights.


Nessun commento:

Posta un commento