mercoledì 17 aprile 2013

Recensione: HALGRATH "Out of Time"
DIGITAL | CD 2012 - cryo chamber | cold meat industry




Nuovo album per la russa Agratha, mente e cuore pulsante del progetto dark/ambient/drone HALGRATH. Il disco ha preso vita ad ottobre 2012,
ma solo qualche giorno fa sono riuscito a concedergli un attento ascolto, avendo ricevendo il promo da Simon Heath (Atrium Carceri, Sabled Sun, Cryo Chamber Records). Halgrath sa come afferrare gli elementi sedativi della realtà per trasformarli in trame surreali, un esperienza vissuta al limite della tragedia sonora, articolazioni complesse nella loro precoce singolarità, complessità informi che si tramutano in immagini nascoste tra gli alberi di una fitta foresta schiacciata dal peso del crepuscolo. Agratha scava il manto umido sottostante per nutrirsi dei vermi che alimentano il sottosuolo, quei microrganismi invisibili all'occhio umano ma visibili a chi li cerca per rigenerarsi nell'anima. Essa sente le varie infinite sollecitazioni ambientali, le divora, le assorbe, le agita attraverso calde convulsioni sonore, recepite più o meno consapevolmente, o perse negli strati profondi della coscienza. "Out of Time" spurga linfa allucinogena attraverso brani assuefatti dal dramma interiore: ad esempio "Deep Underwater", "Lethal Injection", "He led me through the Dark Caverns". La consapevolezza espressa in musica si adagia sulle profondità dimenticate dell'essere. L'album ti coinvolge pesantemente complice il complesso sensitivo dell'azione esecutiva. Una sconvolgente esperienza percettiva. Disponibile digitalmente sul bandcamp dell'etichetta Cryo Chamber, mentre il cd fisico (con una differente veste grafica) è stato stampato da Cold Meat Industry.

Contatti:

facebook.com/Halgrath
cryochamber.bandcamp.com
oldeuropacafe.com

"OUT OF TIME" TRACKLIST: Summoning of the Goddess, Out of Time, Down - Here, Deep Underwater, Horoathea Mass of Aegorath, Lethal Injection, Follow Eternity, The Resistance, Dark Dusty Corner, He Led Me Through the Dark Caverns, We'll Go Through Sorrow - Holding Each Others Hands, The Light of the Earth's Spheres.


Nessun commento:

Posta un commento