lunedì 27 gennaio 2014

Recensione: MURMUR "Murmur"
DIGITAL ALBUM | CD 2014 - season of mist




Tutti sanno quanto sia difficile trovare l'originalità in determinati ambiti dell'underground estremo. Bene, pochi si rendono veramente conto di quanto problematica sia realmente la faccenda, finché non si ha a che fare con una band come gli americani MURMUR (...provenienti da Chicago). Addentrandomi nella dimensione a bianco e nero dei quattro musicisti ho potuto osservare da vicino gli occhi degli avvoltoi nascosti nel buio delle loro anime. Emozioni del genere possono essere numerose, e vengono concretizzate in luoghi del pianeta molto diversi. Il fattore dominante che contraddistingue i Murmur è il particolare modo di approfondire i vari corridoi immersi nelle tenebre, nei quali i suoni smossi vengono fatti vibrare da strumenti tesi a stabilire una forma di comunicazione ossessiva e contorta. Il fenomeno del black metal continua a ripetersi negli anni, ma solo grazie a gruppi come questo può ottenere maggiore credibilità. Le nove canzoni dell'omonimo album sono molto diverse tra loro, risuonano disturbanti dopo ripetuti ascolti, nel cuore della note, amplificando spettri deformi e inespicabili. Affrontando con autorevole personalità tale spartito, i Murmur sono stati in grado di tracciare un full-length che serve da propellente per avvicinare passato e presente, una sorta di legame morboso difficile da capire se non si ha la giusta predisposizione. Qui si va oltre la semplicità o monotonia, toccando i numerosi territori psichedelici, jazz, ma anche avanguardisti; capaci perciò di stracciare la staticità prevedibile a favore di contaminazioni rischiose e perché no, coraggiose. Il nuovo "Murmur" lo posiziono già tra gli album più particolari di questo 2014. L'ispirazione della formazione dell'Illinois galoppa con la rapidità della disperazione. Dopo lo split 7" con i grandi Nachtmystium, i Murmur sono stati in grado di sbalordirmi nuovemente. Pura follia compositiva! Nella versione limitata troverete anche la cover dei King Crimson "Larks' Tongues Aspic".

Contatti: seasonofmist.bandcamp.com/album/murmur

TRACKLISTING: Water from Water, Bull of Crete, Al-Malik, Recuerdos, Zeta II Reticuli, Zeta II Reticuli - Part II, King in Yellow, When Blood Leaves.

Bonustrack (Digipack Edition): Larks' Tongues Aspic - Part II


Nessun commento:

Posta un commento