martedì 11 giugno 2013

Recensione: ANATOMIA DE VANITATS "The Anthropic Principle"
DIGITAL ALBUM 2013 - cryo chamber




ANATOMIA DE VANITATS altro non è che l'affascinante solo project di Mercé Spica, una delle menti degli spagnoli Eldar (realtà imponente nella scena dark ambient/elettronica Europea). La musica proposta è un qualcosa che dipende da un esclusivo intervento profondo e che richiede talento ed una determinata sensibilità compositiva. Per queste ragioni, il lavoro di Mercé non passa inosservato! Fornisce un immaginario che a sua volta fa muovere sensazioni presenti nel sub-razionale dell'ascoltatore, soluzioni sonore che scavano nel midollo spinale per estrapolare l'oscura materia sottostante. Le tracce sono derivanti da una fonte intima e personale, risultando così permeate da innumerevoli significati che conservano tuttavia qualcosa di sinistro nella loro stessa corporatura. Con tale potenza espressiva, la musica di Anatomia De Vanitats ha la capacità di togliere il respiro, di sollecitare lo spirito in modo imprevedibile e spesso incongruo, solo parzialmente legato al reale. "The Anthropic Principle" è un ottimo disco di dark ambient e la sua complessa fluidità è capace di andare oltre la superficie della realtà, delle cose futili, prevedibili. Le sensazioni dell'esperienza che ci viene concessa da Mercé inondano la mente attraverso immagini potenzialmente estranee a qualunque nesso logico o razionale. Le esperienze esistenziali non si fanno con gli occhi, ma con tutti i sensi, e l'orecchio (in questo caso) affoga nei sistemi contorti della percezione. L'album è stato pubblicato in versione digitale dall'etichetta Cryo Chamber di Simon Heath (Atrium Carceri), ma dopo l'estate verrà stampato su disco fisico dalla Tesco. Anatomia De Vanitats è consigliato a tutti gli appassionati del genere. Un must!

Contatti:

facebook.com/merce.spica
cryochamber.bandcamp.com/album/the-anthropic-principle

"THE ANTHROPIC PRINCIPLE" TRACKLIST: Reflector, Igneus, Ether, Fluid, Absolut, Material, Germinal, Atomic.


Nessun commento:

Posta un commento