mercoledì 12 giugno 2013

Intervista: DEATHRAISER - IL THRASH METAL NON MORIRA'






I BRASILIANI DEATHRAISER SONO UN'INTERESSANTE FORMAZIONE DEDITA AL THRASH METAL PIU' VELOCE E "IN YOUR FACE", QUATTRO MUSICISTI CON LE IDEE CHIARE E TANTA PASSIONE DALLA LORO PARTE. NEL 2011 L'ETICHETTA SPAGNOLA XTREEM MUSIC DIEDE LE STAMPE AL DEBUT ALBUM "VIOLENT AGGRESSION", UNO DEI DISCHI PIU' AGGRESSIVI E CONVINCENTI DI QUELL'ANNO. QUESTI RAGAZZI ESALTANO LA VIOLENZA DEI MIGLIORI DISCHI DEGLI '80 CON UN'ENERGIA INCONDIZIONATA. SONO ATTUALMENTE IMPEGNATI NELLA SCRITTURA DEL SECONDO ALBUM, PER QUESTO MOTIVO HO DECISO DI CONTATTARE IL BATTERISTA WILLIAM PER SAPERNE DI PIU' SU PASSATO, PRESENTE E FUTURO. A LUI LA PAROLA...

1. Ciao William. Sono davvero felice di concederti dello spazio sulla mia webzine per far conoscere meglio i Deathraiser. Ve lo meritate! Che ne dici di accennarci qualcosa sui vostri inizi?

- Per prima cosa vorrei dirti che è un vero piacere fare quest'intervista con te e mi scuso ancora una volta per il ritardo con cui ho risposto alle tue domande... haha. Mi sono avvicinato al mondo del Metal 13 anni fa, quando i Metallica erano già cambiati. In un primo momento sono stato solo un ascoltatore di questa musica, ma fu allora che un amico iniziò ad insegnarmi a suonare la chitarra, così decidemmo di formare una band anche senza una preparazione adeguata, per noi l'importante era saper suonare una determinata canzone tutte le volte che si provava. In quel periodo ho capito che dovevo passare alla batteria perché non avevamo qualcuno in grado di suonarla. Se devo essere sincero, l'ho imparata senza avere una vera batteria haha, ma le cose scorrevano. Ho suonato in alcune band formate da ragazzi principianti prima di entrare nei Mercilless... e ora denominati Deathraiser... haha.

2. Quali sono state le tue influenze iniziali? Perché volevate essere una band thrash metal?

- In un primo momento la mia influenza fondamentale erano i Metallica, dopo conobbi altre band come Slayer ed Exodus. E' venuto spontaneo il desiderio di formare una band thrash metal, ma le mie influenze principali come batterista sono: Igor Cavalera, Gene Hoglan e Dave Lombardo, loro sono stati i miei punti di riferimento principali per suonare questo genere.

3. Avete optato per "Deathraiser" come nome del gruppo. E' stato scelto solo per l'aspetto "aggressivo" della vostra proposta musicale oppure c'è un altro motivo alla base di questa scelta?

- Per il nome della band è stata una scelta naturale, avevamo notato che esistevano già diversi gruppi nel mondo denominati Mercilless, quindi decidemmo di cambiarlo con questo. Il nome Deathraiser deriva dalla song degli Attomica presente sul disco "Disturbing The Noise" (1991), loro sono stati una grande influenza per noi, perciò ci siamo cuciti questo nome sulla nostra proposta . Abbiamo avuto dei cambiamenti nel corso della nostra evoluzione musicale, ma a mio parere è qualcosa di naturale.



4. Finora qual è stata la risposta su "Violent Aggression"? Sono passati due anni dalla sua pubblicazione...

- La risposta in linea di massima è super positiva, fino ad ora abbiamo raccolto buoni risultati con questo album , ed è chiaro che siamo anche un po' in ritardo con la nuova release... haha. Quel lavoro è stato qualcosa di sorprendente per tutti noi, ci siamo trovati di fronte molti problemi che hanno influito sulla sua pubblicazione, così ci è voluto un po' di tempo per averlo su disco fisico. Ancora oggi, dobbiamo ancora vedere/leggere molte altre recensioni e commenti su di esso...

5. Quali sono le differenze principali tra "Violent Aggression" e il nuovo materiale che state scrivendo attualmente? Avete già dei brani in cantiere per il prossimo disco?

- Cerchiamo di fare un passo in avanti importante per il secondo album, stiamo scrivendo nuovo materiale e penso che un piccolo cambiamento sia naturale. Con il passare degli anni ci si rende conto che alcuni cambiamenti devono essere fatti, ovviamente, nulla che riguardi il suono o la qualità della band. Più che altro è un'evoluzione positiva. Le nostre nuove canzoni stanno subendo un sacco di modifiche significative, per raggiungere il meglio... Ci stiamo concentrando maggiormente sul songwriting. Aspettatevi un album con più feeling e aggressione!

6. Se dovessi descrivere i punti di forza del vostro sound ai lettori di Son of Flies webzine?

- Aggression, beatings, energy e tutto quello che il thrash metal dovrebbe essere hahaha!

7. Nella vostra musica si possono sentire alcune influenze classiche del thrash metal. Preferite ascoltare delle band specifiche oppure prendete diversi elementi/spunti da più musicisti/gruppi?

- I nostri punti di riferimento principali sono sempre stati Sepultura, Slayer e Kreator, ma ovviamente cerchiamo di aggiungere le nostre influenze personali, insomma, vogliamo essere una band con delle specifiche qualità. Anche se siamo influenzati da band classiche del genere, cerchiamo sempre di esprimere al meglio il nostro modo di suonare e quindi dimostrare che i Deathraiser hanno molto da dare a coloro che amano il vero thrash metal senza fronzoli... haha.



8. Avete qualche tema predominante nei vostri testi?

- Cerchiamo di parlare di cose reali e che succedono o potrebbero succedere a tutti. Nonostante "Violent Aggression" abbia alcuni temi che affrontano questioni diverse, cerchiamo di dare alle lyrics dei contenuti che mostrino la nostra realtà, qualcosa di accaduto o che sta per accadere, testi più seri sui problemi reali che avvengono tutti i giorni intorno a noi!

9. Di solito, per scrivere canzoni così dirette e veloci partite da un riff di chitarra o dalla batteria?

- Mentre scriviamo un brano, pensiamo da subito a come suonerà il riff sulla batteria haha, questo è il nostro modo di comporre musica veloce...haha... Le idee nascono così, immaginare come queste idee possano mettere insieme batteria e chitarra, facendo attenzione a come potrebbero suonare, a volte aggiungendo dettagli di basso e voci in fase prematura e così via...

10. Chi sono state le tue prime influenze come batterista?

- Le mie prime influenze erano Lars Ulrich (sì proprio lui)... haha... Nicko McBrain e Igor Cavalera... questi gli inizi...haha.

11. Quali sono alcune delle band Thrash Metal che si sono guadagnate il tuo rispetto?

- Oggi, vediamo molti buoni gruppi thrash nel mondo, ammiriamo varie band e alcuni amici sono proprio qui in Brasile. I ragazzi dei Violator, Desperado, Farscape, Blasthrash, Executer tra gli altri, al di fuori del Brasile i Fueled by Fire, Strike Master... Ci sono molti buoni gruppi al giorno d'oggi, sia qui in Brasile che altrove. Credo che queste realtà stiano rappresentando bene questa "new wave" del thrash metal.

12. Andrei Bouzikov è un artista molto interessante. Perché decideste di utilizzare la sua arte pittorica per l'artwork del vostro primo album "Violent Aggression"?

- Abbiamo visto il bel lavoro fatto da Andrei per Municipal Waste e Violator, apprezziamo molto i suoi disegni, come lo stile di Ed. Repka. La nostra idea venne catturata bene dall'artista attraverso quest'opera d'arte... haha.



13. Il thrash metal sta tornando su grandi livelli negli ultimi anni! Perché secondo te?

- Credo che l'energia del thrash si stava perdendo dagli anni '90 fino ad oggi, infatti molte band hanno deciso di spostarsi su altri stili più ricercati e con influenze totalmente differenti, penso che questo nuovo round sia molto importante, perché se anni fa il thrash metal era diventato stagnante, oggi le cose sono ritornate all'energia di un tempo, un sacco di formazioni possiedono notevole forza espressiva che riporta ai classici degli '80. Molti di questi gruppi attuali non hanno vissuto quell'epoca, ma oggi tutti noi siamo qui per dimostrare che il thrash non è morto, ed è più vivo che mai. Questo è il giusto spirito anche se non si ha un'etichetta, senza demagogia, no mainstream, questo è come il thrash è sempre stato, e sarà così per sempre.

14. Se tu dovessi descrivere la prima era dei Sepultura in tre parole (Bestial Devastation - 1985, Morbid Visions - 1986, Schizofrenia - 1987, Beneath the Remains - 1989, Arise - 1991)?

- Non pronuncerei tre parole, ma direi una sola frase: "la migliore band del mondo"(questa la mia opinione ovviamente. haha).

15. Com'è la scena metal li da voi a Leopoldina/Minas Gerais?

- La nostra città ha solo 51.000 abitanti, ma siamo orgogliosi della nostra scena locale, in molti stati ci sono degli eventi, li condividiamo sia con le band della nostra città che di altre città. Ci sono molte formazioni emergenti qui e nella stessa regione, anche se di vari stili musicali. Siamo sempre insieme per far crescere la nostra scena, lo trovo molto importante per il metal e la scena locale in generale.

16. E' stato difficile ottenere un contratto con la spagnola Xtreem Music per il primo album? Quali le vostre intenzioni per il prossimo lavoro?

- L'inizio è sempre difficile, ma nonostante le difficoltà raggiungemmo l'obiettivo di pubblicare quel primo album per l'etichetta spagnola Xtreem Music. E' stato importante perché abbiamo avuto l'opportunità di far ascoltare il nostro sound al mondo, speriamo di ottenere maggiore pubblico con questo secondo disco in preparazione. Stiamo lavorando duramente su questo album, e l'unica cosa che mi sento di dire ora è che avrà una qualità musicale superiore rispetto "Violent Aggression". Perciò attendeteci...

17. Puoi accennarmi qualcosa sui vostri piani futuri? Lascio a te le ultime parole! Grazie per l'intervista.

- Prima di tutto voglio ringraziare te per questa bella intervista sulla tua SON OF FLIES webzine. Come ti accennavo prima.... al momento stiamo scrivendo il secondo album, vogliamo registrare queste nuove canzoni per voi ragazzi, speriamo di farlo il più presto possibile, e magari fare un tour Europeo, suonare al massimo della potenza in ogni luogo, perché il thrash metal non muore mai!



CONTATTI: facebook.com/DeathraiserOfficial - myspace.com/deathraiser666

DEATHRAISER line-up:

Thiago - Chitarra / Voce
William - Batteria
Ramon - Chitarra
Junior - Basso





Nessun commento:

Posta un commento