mercoledì 31 luglio 2013

Recensione: RAMMING SPEED "Doomed To Destroy, Destined To Die"
CD 2013 - prosthetic records




Tra i tanti dischi ascoltati di recente in campo thrash metal, quello dei RAMMING SPEED mi ha particolarmente entusiasmato. E' la realtà! La band, pur strizzando l'occhio a molte formazioni del passato, riesce ugualmente a spingere sull'acceleratore con un ottimo songwriting, tenendo così su di giri un motore potente e perfettamente oleato. I riff calibrati e la sezione ritmica fottutamente ruggente diventano la spinta rotativa di un meccanismo alternativo a combustione interna. Sicuramente la composizione del loro sound deve tenere presente diversi fattori, quali, l'importante determinazione nell'atto esecutivo e i rispettivi arrangiamenti nei brani che ne possono variare le caratteristiche di base, infatti gli americani Ramming Speed hanno una temperatura incandescente, che nella sua parte metallica esterna può raggiungere alte temperature. Questa differenza di componenti viene dilatata dal mix tagliente di: thrash metal, crossover, hardcore. Le vibrazioni, sono soggette a una sollecitazione maggiore per via della combustione. Importante sottolinearlo ancora. I cinque thrasher provenienti da Boston (Massachusetts) non scherzano affatto, dimostrando tutte le buone potenzialità mediante canzoni adrenaliniche come "Doomed To Destroy, Destined To Die", "Grinding Dissent", "Ministry Of Truth", "The Rhetoric Of Hate And Other Examples Of Wildly Unchecked Ignorance". Altro perno importante è la voce graffiante del singer Peter Gallagher. Chiunque sia un appassionato, abituato a dimenarsi violentemente, non dovrà per nessun motivo ignorare la rabbia dei Ramming Speed (attivi dal 2005). Il disco è stato pubblicato dalla Prosthetic Records.

Contatti: facebook.com/rammingspeed

TRACKLISTING: Doomed to Destroy - Destined to Die, Anticipating Failure, Grinding Dissent, Gorgon's Eye, Cretins and Coward, Anthems of Despair (Summer Jam), Ashes, Ministry of Truth, The Rhetoric of Hate and Other Examples of Wildly Unchecked Ignorance, Extinction Event, Under the Monolith, Hollow Giants, Dead Flags.


Nessun commento:

Posta un commento