martedì 16 luglio 2013

Intervista: ACHERONTAS - "LE SALE DI AMENTI"






VENGONO DALLA GRECIA E GIA' ERANO ESPLOSI CON IL PRECEDENTE TERZO LAVORO "VAMACHARA". ORA QUESTI SACERDOTI FANNO RITORNO CON UN ALBUM DA BRIVIDI INTITOLATO "AMENTI", CHE PORTA IL LORO BLACK METAL SU LIVELLI SUPERIORI, ANCORA PIU' VISIONARI E DESCRITTIVI. LA PAROLA VA AL CANTANTE CHITARRISTA ACHERONTAS V.PRIEST

1. Quando ha iniziato a suonare la band?

- Siamo nati nel 1996 come Worship e poi nell'autunno del 1997 il nome cambiò in Stutthof. Dopo un decennio il moniker diventò Acherontas.

2. Ora che "Amenti" è stato pubblicato potresti spiegarmi il significato del titolo dell'album?

- Il nuovo album è intitolato "Amenti". Con questo nome, abbiamo voluto riversare sulla nuova release le vibrazioni di un glorioso simbolismo egiziano, per indicare il percorso del lavoro e rivelare un elemento in più della quintessenza della Congrega. Le sale di Amenti sono state un vortice di energia illimitata secondo il Papiro di Ani, il centro del mondo - un luogo di giudizio e di liberazione. La forza di Drakonian regna sovrana in modo da offrire un potenziale tocco di iniziazione nelle sue acque. Le catacombe hanno una forte simbologia, la grande ascensione spirituale, la forgiatura di un dio. Le sale sono stimate, consentendo l'ascesa spirituale per procedere e unirsi all'onniscienza degli antichi dei. All'interno di questo significato, possiamo trovare l'essenza di Amenti, album che corona l'ascensione per la congrega e l'enorme passo in avanti, un passaggio ad un livello superiore che viene battezzato e celebrato in quest'opera musicale, lirica e filosofica. Non rivelerò altro, questo disco dovrebbe essere considerato come un viaggio che l'ascoltatore deve affrontare, e scoprire da sé l'essenza che si tuffa nelle acque dello Stige, e la rispettiva testimonianza dei misteri. Le stanze di Amenti sono ora aperte per gli adepti del sangue, una chiamata per l'individuo che deve essere iniziato - o un veleno per l'ignorante.



3. Parliamo del nuovo album. E' sicuramente intenso, oscuro e più arrabbiato di qualsiasi altro lavoro degli Acherontas. Sei d'accordo?

- Il nuovo album ha molti elementi diversi nella sua forma musicale. Dal ritual dark ambient a suoni tradizionali dell'Oriente, provenienti da strumenti fisici utilizzati da Scorpios Androctonus... Poi: Arditi, Naas Alcament da Nightbringer, Edgar Kerval, Jhon Longshaw. Sono tutti davvero speciali nella loro essenza/creatività ed hanno offerto il loro Prana in maniera differente, in modo che Amenti potesse scatenarsi nelle masse come arte esoterica molto complicata...

4. Come si è svolta la produzione dell'album? Potresti descrivere il processo? Dové stato registrato il disco?

- Abbiamo registrando l'album provando anche per i nostri futuri Ritual Shows. Un periodo stancante, una sfida nel Fuoco. Tutto ha avuto luogo presso l'Eleventh Tower studio, tranne il mastering effettuato ai Place in Sitra Ahra Studios. Le voci di Naas Alcameth sono state fatte negli Usa, la batteria in Italia da Gionata. Penso sia il lavoro più completo che abbiamo fatto finora.



5. Che cosa è cambiato nella band dalla pubblicazione del precedente album? Oggi il sound sembra molto organico! Come descriveresti lo stile di "Amenti"?

- Consideriamo la mancanza di evoluzione come un ristagno, una forma di morte. Ogni passo intrapreso con le nostre creazioni a livello musicale
e spirituale è un obiettivo molto importante che ci siamo posti da tempo, perciò continueremo a cercare per raggiungerlo. Ogni opera della band è espressione di esoterismo. Così, Amenti è stato un passo più profondo e più vicino la quintessenza della nostra arte e spiritualità. Siamo più soddisfatti del lavoro musicale e filosofico che si è manifestato attraverso il risultato finale di Amenti. E 'stata una sfida per noi,
o meglio, una prova di volontà da gestire per dare carne alla nostra esperienza spirituale attraverso l'arte. Non abbiamo mai creato senza l'espressione del nostro vuoto interiore. La nostra missione è una sola, ed è per quelli che hanno "occhi per vedere" oltre il velo della materia.

6. La musica degli Acherontas attinge influenze da una vasta gamma di soluzioni, non solo legate al black metal... Quali sono state le tue fonti? Quali band vi hanno influenzato, per quanto riguarda il vostro songwriting? "Amenti" è un album davvero aggressivo e oscuro, dalla musica alle parti vocali, dai riff di chitarra agli effetti dark...

- La mia vita quotidiana potrebbe essere parte del nucleo delle mie Influenze. Quelle musicali vanno dagli inizi del death / black metal degli anni '90, alla Musica Classica, Martial e Ritual Dark Ambient...



7. Gli Acherontas si possono considerare un'entità anti-cristiana? Quali sono le vostre convinzioni filosofiche?

- Non sono anticristiano. Godetevi pienamente il cristianesimo e tutte le mentalità religiose che manipolano e schiavizzano le masse. Io sono per l'apertura mentale individuale. Studio tutto... e il cristianesimo ha molti elementi utili per capire certe cose sulla propria pelle.

8. Da dove arriva la vostra ispirazione per i testi?

- Dalle mie esperienze come ho detto prima. Non abbiamo mai scritto qualcosa senza aver vissuto esperienze. Il nucleo della nostra esistenza abbraccia la Luce del Cosmo attraverso l'Arte... la nostra Arte.

9. Pensi che il Black Metal sia destinato a crescere/evolversi?

- Non mi preoccupo se il Black Metal crescerà... Io sono interessato solo ad alcuni individui speciali che uniscono l'esoterismo con l'Arte musicale e non alla maggior parte delle band del genere.

10. Quali sono i tuoi progetti per questo 2013?

- Per il momento nessun piano futuro tra i mortali.



CONTATTI: facebook.com/pages/Acherontas/144671698890576

ACHERONTAS line-up:

Acherontas V.Priest - Vocals, Guitars
Tiphareth - Lyrics
Saevus H. - Guitars
Scorpios Androctonus - Keyboards, Bass
Hierophant - Guitars

PHOTOS by: Kristiina Lehto | Strahinja Lukic

RECENSIONE:
ACHERONTAS "Amenti" CD 2013 - world terror committee



Nessun commento:

Posta un commento