mercoledì 3 luglio 2013

Recensione: DØDSFALL "Djevelens Evangelie"
CD 2013 - obscure abhorrence productions




Ciò che rende speciale il sound dei norvegesi DØDSFALL non è la musica in se, ma quell'attitudine primitiva tipica del black metal delle origini. L'intensità che caratterizza il nuovo "Djevelens Evangelie" è esasperata ulteriormente da una malignità voluta e incondizionata. Le nuove canzoni sono più efficaci rispetto al passato e, nonostante l'aggressività che incarnano, la loro qualità è indubbiamente oltre la media, evidenziata dalla produzione retrò di cui godono. Credo sia un album istantaneo, che non risponde ai canoni delle produzioni recenti/moderne... E' spontaneo, realizzato secondo specifiche coordinate, per queste ragioni suona così determinato e deciso allo stesso tempo. Sicuramente i Dødsfall non sono degli sprovveduti, si affidano alla loro esperienza in modo da intuire come eseguire al meglio le proprie composizioni. Certe emozioni oscure bisogna viverle su pelle, affinché risultino 'credibili', ma va aggiunto che al musicista basta saperle interpretare con una certa attendibilità. Questo combo è sinonimo di garanzia per chi vuole abbracciare determinate vibrazioni, magari "Djevelens Evangelie" rimarrà solo una rivisitazione aggiornata di qualcosa di vecchio, già sentito, ma sapete com'è... il tempo per alcuni gruppi sembra essersi fermato e a molti seguaci potrebbe andar bene anche così. Il risultato finale, anziché deludere, corre su brani più sentiti/ispirati, dalle ritmiche/riff ragionate con criterio, ove le sensazioni suggestive del freddo nordico vengono enfatizzate con notevole passione. Toccare il fuoco spirituale della terra scandinava fa parte di un processo naturale per questi musicisti. Uscita: Agosto 2013.

Contatti: facebook.com/dodsfall - dodsfall@live.com

TRACKLISTING: Azerate, En Hymn til Døden, Slangens Kall, I Et Endeløst Kaos, Djevelens Evangelie, Svart Magi, Stemmer Fra Tidens Skapelse, I Djevelens Tegn, I Det Lyset Går Ned.


Nessun commento:

Posta un commento