venerdì 21 febbraio 2014

Intervista: DYING SUN - "TRA RINASCITA E DISSOLUZIONE"






ANCHE NEL CIRCUITO DELLE AUTOPRODUZIONI ESISTONO FORMAZIONI DEGNE DI NOTA E IN GRADO DI FAR VALERE LA PROPRIA VOCE / IDENTITA'. NE SONO ESEMPIO GLI AMERICANI DYING SUN PROVENIENTI DALLO STATO DEL MARYLAND. IL NUOVO ALBUM "TRANSCENDENCE" E' UN CONCENTRATO DI MUSICA ACCATTIVANTE E BEN SUONATA!! SE VI PIACCIONO LE SONORITA' VICINE AGLI ULTIMI CULT OF LUNA (IN PRIMIS) NON FATEVELI SCAPPARE. L'INTERVISTA E' CON BRYAN CHEW E DAN DILLON.

1. Quali sono state le emozioni che vi hanno portato a intraprendere la strada con questo progetto?

Bryan: Per quanto mi riguarda, posso dire che l'emozione principale che viene trasmessa nella nostra musica è la frustrazione. Alcuni ascoltatori possono interpretarla come rabbia, che è giusto, perché la rabbia e la frustrazione sono strettamente correlate. Questa musica è da sempre una sorta di binario per incanalare i sentimenti di frustrazione e desiderio.

Dan: Riguardo me, specialmente per quanto riguarda i testi, sto cercando di esprimere tutte le emozioni umane. A volte quelle negative potrebbero essere più facili da riconoscere dato che noi due stiamo facendo musica relativamente oscura; ma il mio intento è quello di fluire attraverso di essa. Non ci può essere gioia senza dolore, senza rabbia, senza felicità, questa interezza è quello che voglio incarnare.

2. Perché il nome: Dying Sun?

Dan: Ogni elemento al di là dell'idrogeno e dell'elio è stato creato da stelle morenti. Pertanto, tutta la vita è il risultato della morte di tante stelle.

Bryan: Rispecchia solo un immagine potente. Sapere che qualcosa che sta morendo, è in grado allo stesso tempo di creare, sostenendo la vita stessa... beh, questa è una bellezza malinconica. Il nome si adatta al mood della nostra musica.

3. Parlateci del vostro album intitolato "Transcendence"... Quali sono le idee che stanno dietro l'opera? Quali sono le tue aspettative?

Dan: La trascendenza rappresenta la continua evoluzione dei Dying Sun. E' ancora l'espressione più chiara di noi stessi.

Bryan: Ci piace sperimentare nuovi elementi e stili, ma nel nostro modo di fare musica. Io odio quando i gruppi suonano esattamente uguali di album in album, quindi era importante per me tenere le idee e le canzoni fresche.

4. Il punto di forza della vostra musica è senza dubbio il connubio tra massicci elementi metal, e riff più oscuri, drammatici, accattivanti... senza dimenticare le melodie tristi e decadenti. Perché questa scelta? È un mix che funziona estremamente bene sulla vostra musica...

Bryan: Ciò che cerchiamo di fare nelle nostre canzoni è quello di creare qualcosa di memorabile. Ci piace la musica dal suono "grande", ma allo stesso tempo, vogliamo che le canzoni siano ascoltabili e interessanti. Quel mood dove i riff e le melodie entrano in gioco. Ed è così che ti porterà da un punto ad un altro, quasi come una guida.



5. Nel vostro sound ho ascoltato molte vibrazioni diverse (canzone per canzone). Sarebbe giusto dire che siete molto più interessati a certe atmosfere piuttosto che alla semplice estremità? Mi piace il vostro personale approccio...

Bryan: Assolutamente. Lo stato d'animo o l'atmosfera di un album è quello che tiene insieme tutto. Sarebbe noioso per me scrivere la stessa canzone per 8 volte in modo da fare un album.

Dan: Non c'è nulla di intenzionale nell'estremità. Sarebbe falso dire che abbiamo deciso appositamente di fare una canzone "pesante" o qualcosa di simile. Lasciamo che le canzoni stesse ci dicano di cosa hanno bisogno per completarsi, nulla è mai forzato.

6. Come è possibile suonare in modo diverso rispetto dai vostri colleghi? Qual è la formula segreta della vostra musica?

Bryan: Penso che ciò abbia a che fare con quello che hai appena suggerito tu, cioè, per noi è importante l'atmosfera che creiamo, quello che è lo stile attuale o la struttura in cui creiamo la nostra musica. Che può essere incredibilmente liberatoria. Non è facile da fare però. E diventa quasi come una sfida quando scriviamo le canzoni, in modo da non cadere in stereotipi di genere o cliché. Devi fare uno sforzo cosciente a volte.

7. Al momento... Come sono in generale le risposte per "Trascendence"?

Bryan: La risposta è stata davvero grande! Siamo stati fortunati che le persone che amano la nostra musica abbiano trovato il tempo necessario per condividerla online con altri utenti e contribuire a diffondere la parola. In un primo momento, quando si rilascia un album indipendente, è piuttosto difficile ottenere dei responsi adeguati. Ma siamo molto grati alle persone che hanno cliccato sul link della pagina, e avuto il tempo di ascoltare, scaricare, recensire o scrivere su di noi. E' abbastanza impressionante come migliaia di persone provenienti da tutto il mondo abbiano scaricato la musica che facciamo in una camera da letto.

8. Potete dirmi quali sono i vostri sentimenti sulla scena metal attuale?

Bryan: Penso che sia davvero forte in questo momento. Non è mai stato più facile di ora ascoltare e trovare musica là fuori o farsi notare con un po' di perseveranza, e tutto ciò sta portando a fasce sempre più ampie, interessanti di autentiche, ottenendo la giusta attenzione. Questa è una buona cosa per tutti.

Dan: La morte dell'industria discografica e la crescita di Internet ha reso più facile trovare artisti che creano esclusivamente per amore della musica. I progressi nella tecnologia i costi più bassi per effettuare una registrazione consentono a chiunque (anche noi!) di effettuare produzioni di qualità. C'è così tanta roba sorprendente, strana e bella là fuori. La scena metal è più forte che mai, se non più forte.

9. Quindi cosa possiamo aspettarci in futuro dai Dying Sun? Grazie per l'intervista!

Bryan: potete aspettarvi molta più musica! Finché sentiamo il bisogno di sfogare e creare, esisteranno i Dying Sun.



CONTATTI: dyingsun.us - dyingsun.bandcamp.com - facebook.com/dyingsundoom

DYING SUN line-up:

Matt - Batteria
Bryan - Chitarra, Tastiere, Programming, Voce
Dan - Basso, Voce

RECENSIONE:
DYING SUN "Transcendence" DIGITAL ALBUM | CD 2014 - autoprodotto



Nessun commento:

Posta un commento