lunedì 2 marzo 2020

SCHIZOPHRENIA "Voices" - Autoproduzione




Un nome del genere non si può leggere con indifferenza, visto che riporta alla mente un disco memorabile degli anni ottanta: "Schizophrenia" dei Sepultura. Ma qui abbiamo a che fare con quattro musicisti europei (attivi in Belgio) giunti al debutto discografico, anch'essi devoti alle sonotità thrash/death metal di quel periodo storico, tuttora venerato e osannato da una buona fetta di adepti del metallo. Ci tengo a precisare che il cantante/bassista Ricky Mandozzi è un italiano puro sangue, mentre il batterista Lorenzo Vissol è per metà italiano e per metà francese. "Voices" recide come i colpi di una lama affilata, affondando più e più volte nella carne viva, provocando danni permanenti e irrimediabili. Di questi tempi dove tanti si inginocchiano per ottenere delle produzioni specifiche o addirittura sofisticate, compromettendo in qualche modo l'essenza primigenia del metal, fa sempre piacere vedere in azione gente del calibro degli Schizophrenia. Perciò, chi ama veramente l'old school ne rimarrà continuamente intrigato, fino alla propria morte, qualcosa di molto più profondo di quanto si possa immaginare. La lunga storia del thrash metal non deve essere messa in discussione, e dopo quarant'anni, non bisogna mai smettere di supportare formazioni così determinate seppur senza prospettiva di fama. In certi circuiti non serve la notorietà, e voi dovreste saperlo bene. Tutto il resto sono chiacchiere che preferisco lasciare ai detrattori accaniti. La prima autoproduzione confezionata dagli SCHIZOPHRENIA non potrà mancare nella vostra collezione. Pollice alto per "Voices"!

Contatti: 
schizophreniaband.bigcartel.com 
facebook.com/Schizophrenia.Officialband
instagram.com/schizophrenia.dm

Songs:
Structure of Death, Perpetual Perdition, Mortal Sin, Schizophrenia, Beyond Reality




Nessun commento:

Posta un commento