giovedì 19 marzo 2020

HORRID "As We Forget Our Past" - Dunkelheit Produktionen




Trent'anni di onorata carriera racchiusi in questo nuovo sigillo dei veterani death metaller HORRID. A conti fatti e a tanti anni di distanza dagli esordi, con i fan adolescenti di allora ormai diventati adulti, possiamo dire che non solo il membro fondatore Belfagor mette a tacere i peggiori detrattori, ma rende giustizia alle sue effettive motivazioni, creando un disco coeso che, nei contenuti, ha la stessa impronta retrò di sempre; e non poteva andare diversamente, anche perché il succitato leader della band varesina ha fermamente deciso di festeggiare le tre decadi di attività nella scena underground ri-registrando alcuni brani del loro passato: si va dall'EP "Blasphemic Creatures" (1998) al successivo primo disco "Reborn in Sin" (2002), passando per i sentieri sinistri di "Rising From the Hidden Spheres" (2006) e quelli di "The Final Massacre" (2011), fino ad arrivare al mostruoso incedere di "Sacrilegious Fornication" (2014). L'unico inedito è la title track posta in chiusura. Una potenza espressiva che "As We Forget Our Past" mostra nelle grandiose atmosfere evocative tracciate dal riffing lavico di Belfagor, ma anche nelle ritmiche furibonde in cui gli ultimi membri arrivati Dagon (voce, basso) ed Eligor (batteria) danno prova di talento nel saper cucire assieme tensione, groove e padronanza strumentale. Un linguaggio in cui l’azione va di pari passo con le energie oscure sprigionate da un preciso trademark. Gli Horrid vivono nella leggendaria storia dell'old school death metal europeo. Registrato da Davide Ariostini presso il Walking Cloud Studio. Mixato e masterizzato da Stefano Morabito nel 16th Cellar Studio.

Contatti: 
dunkelheitprod.bandcamp.com/album/as-we-forget-our-past 
facebook.com/horrid1989

Songs:
Reborn in Sin, Misunderstood God, Redemption and Lies, Demonic Sadocarnage, Immortal Passion, From Here to Eternity, Blasphemic Creatures, Vortex of Primordial Chaos, Land of No Return, As We Forget Our Past


Nessun commento:

Posta un commento