martedì 3 dicembre 2019

NILE "Vile Nilotic Rites" - Nuclear Blast Records




Dopo il distacco dallo storico chitarrista Dallas Toler-Wade, avvenuto nel 2017, Karl Sanders ha continuato a battere il ferro rovente custodito dai suoi NILE forte di una solida line-up e di un consistente seguito di fan. La cosa sbalorditiva è che il livello qualitativo di "Vile Nilotic Rites" potrebbe addirittura rappresentare il punto più alto di una carriera dalle potenzialità tecniche sconfinate, merito soprattutto dell'indiscutibile spessore del batterista George Kollias che, anche in questo nono capitolo, mostra di essere dominatore assoluto della loro inesauribile ricerca sonora. E' il disco nel quale tutti speravamo, un ritorno in grande stile per una compagine monolitica capace di troneggiare ancora oggi tra i pesi massimi di quel death metal tecnico caratterizzato da un ritmo frenetico e incessante. Ovviamente gli anni passano, i tempi cambiano, ma fortunatamente la coerenza sul piano sonoro non si è ancora trasformata in monotonia o in riciclo. E poi l'antico Egitto, la terra in cui i defunti tornano a vivere senza farsi vedere, teatro delle faraoniche esequie che accompagnavano i figli del dio sole all'appuntamento con il proprio padre e l'eternità. Il potere di quei luoghi magnetici è tale da sembrare eccessivo, ormai "vecchio", non rinnovabile, statico come le sue mummie. Invece siamo ben lontani dal dejà vu, perché ogni tempesta di sabbia ingigantisce l'operato di questi musicisti. La dimensione appartenente a quella civiltà immortale, accuratamente descritta dai Nile, in "Vile Nilotic Rites" risulta ancora più evidente e maestosa. Da avere!

Contatti: 
nile-official.com
facebook.com/nilecatacombs
instagram.com/nile_official

Songs:
Long Shadows of Dread, The Oxford Handbook of Savage Genocidal Warfare, Vile Nilotic Rites, Seven Horns of War, That Which Is Forbidden, Snake Pit Mating Frenzy, Revel in Their Suffering, Thus Sayeth the Parasites of the Mind, Where Is the Wrathful Sky, The Imperishable Stars Are Sickened, We Are Cursed




Nessun commento:

Posta un commento