domenica 9 marzo 2014

Recensione: HALGRATH "The Whole Path of War and Acceptance"
DIGITAL ALBUM 2014 - cryo chamber




L'approccio di HALGRATH appare interessato allo svolgimento del caso, o almeno così sembra essere dal suo atteggiamento in musica. Nel suo modo di procedere non v'è alcun metodo specifico, oltre a quello del momento, dell'istante. Fa gran sfoggio di sonorità particolari, e spesso queste sono adatte allo scopo principale, quello di ottenere risultati più che soddisfacenti. Non è un lavoro di facile assimilazione questo "The Whole Path of War and Acceptance" anche perché a tratti le movenze tracciate dalla compositrice russa Agratha risultano abbastanza ripetitive (non è un caso), ossessive, condizionate da un processo severo e inevitabile. L'evidente disciplina intellettuale non viene meno e lo si può intuire ascoltando l'intensità delle sue indagini sonore. Profonde sono le valli al di sotto di quella montagna raffigurata in copertina, ma altrettanto elevate sono le cime su cui giace l'energia del progetto Halgrath. Dare una immediata occhiata a quell'immagine imponente (facendo scorrere le otto composizioni), volgendo verso di essa le parti esterne della retina, significa vedere quella luce distintamente, significa coglierne al meglio la luminosità: un bagliore che si fa più forte via via che volgiamo su di essa il nostro sentire. L'esperienze vissuta con l'opera "The Whole Path of War and Acceptance" confonde e indebolisce il pensiero. Serve molta concentrazione per comprendere a pieno questo disco. Invito gli amanti del dark ambient a provarlo!

Contatti:
cryochamber.bandcamp.com/album/the-whole-path-of-war-and-acceptance

TRACKLISTING: Acceptance of Inner Self, Consecration, Afflatus (Amanait Akhat), The Opposite Mind and Mutuality, Cold Breath of Mountains, Epic Journey and Oblivion, Deep Immersion and Repose, Your Soul Is Just a Particle of Stars.




Nessun commento:

Posta un commento