martedì 12 maggio 2020

HUMAN IMPACT "Human Impact" - Ipecac Recordings




Sommando gli impulsi del noise rock di New York e alcune delle più agitate contaminazioni elettro-industriali provenienti dai mai dimenticati anni '90, cosa otterremmo? La risposta la troverete nelle canzoni composte dagli HUMAN IMPACT, che confezionano uno dei migliori debutti dei primi cinque mesi del 2020. Bruciante e inarrestabile, l'incedere ritmico del disco concretizza appieno il sodalizio tra quattro nomi di prim'ordine di quella corrente musicale newyorkese che unisce il rock al rumorismo: stiamo parlando di Chris Spencer (ex Unsane), Jim Coleman (ex Cop Shoot Cop), Phil Puleo (ex Cop Shoot Cop, Swans), e Chris Pravdica (ex Flux Information Sciences, Swans). Il risultato ottenuto è una bomba, e mantiene ben salde le loro coordinate stilistiche dal forte respiro ipnotico e ossessivo, arcigno e compulsivo, aprendosi contestualmente a necessità espressive molto più ampie e trasversali. Gli Human Impact mettono la musica prima di qualsiasi altra cosa. E poi c'è la sempre tesa e abrasiva voce di Chris Spencer, quella timbrica inconfondibile che, da oltre trent'anni, piega la mente dell'ascoltatore al suo volere. Fin dal primo ascolto si capisce che "Human Impact" non ha avuto una genesi lineare, infatti non procede mai per accumulo, selezione e sintesi, facendo principalmente leva sulle sue vertiginose ambientazioni moderne ma perfettamente legate al miglior passato: l'iniezione di adrenalina è ad ampio dosaggio e non tradisce le aspettative. Una passione per certe sonorità che si percepisce di ritorno anche nella presenza degli altri tre membri coinvolti negli Human Impact. L'inventiva e la razionalità sono due concetti che si affiancano e si evolvono sempre in emozioni nude e crude, mai viceversa. Forse questa è una delle principali ragioni per cui è difficile catalogarli, sebbene, visti in una prospettiva più lineare, sono sempre e comunque un gruppo noisecore. I Nostri dimostrano, qualora ce ne fosse bisogno, che devi essere veramente te stesso per riuscire a fare presa sui fan della tua musica. Quello che ne risulta è uno dei più esaltanti connubi di rock e rumore ascoltati negli ultimi tempi. Chi è dentro è dentro e chi è fuori dovrà sudare per entrare, pertanto siete stati avvisati. Disco da non perdere!

Contatti: 
humanimpact.bandcamp.com/album/human-impact
facebook.com/humanimpactband
instagram.com/humanimpactband
twitter.com/HumanImpactband 

Songs:
November, E605, Protestor, Portrait, Respirator, Cause, Consequences, Relax, Unstable, This Dead Sea




Nessun commento:

Posta un commento