giovedì 20 ottobre 2016

Recensione: DARKTHRONE "Arctic Thunder"
2016 - Peaceville Records




Gylve Fenris Nagell (conosciuto come Fenriz, sin dal lontanto 1992) e Ted Skjellum (Nocturno Culto), i componenti storici dei DARKTHRONE, alla luce di quanto espresso e fatto fino all'anno 2016, meriterebbero un monumento in calcestruzzo, un premio per riconoscere la dedizione e la volontà di ferro con le quali hanno propagandato il proprio substrato stilistico. I risultati positivi ottenuti con gli ultimi lavori avranno inevitabilmente condizionato la loro scelta, quella di voler far maturare in tre lunghi anni trascorsi il materiale che poi sarebbe andato a completare "Arctic Thunder"; un disco puro, genuino, non sofisticato, dal mordace afflato solforoso, devoto al genere ideato dai due norvegesi, e che, un po' a sorpresa, si vuole riappacificare con le preferenze musicali meno inclini all'ideologia dell'heavy/punk primordiale britannico. La prospettiva dei Darkthrone non è cambiata affatto, ma in parte, si è riavvicinata al loro fertile passato e indelebile vissuto (alzate il volume su "Burial Bliss" o sulla greve "Deep Lake Trespass"). Fortunatamente la sostanza interna si è ravvivata, grazie a mutamenti accomodanti (il fascino disorientante dei Black Sabbath la fa da padrone nell'opener "Tundra Leach", nella perfida title track e nell'episodio finale "The Wyoming Distance", acuto come l'olfatto di un lupo affamato). Il fuoco, il cielo illune e le nubi oscure presenti nella foto di copertina (immagine uscita dagli archivi di Fenriz), probabilmente stanno a simboleggiare l'atmosfera notturna che soffia gelida durante l'intera durata dell'album. "Arctic Thunder" ha un suono fragoroso, nostalgico e autocelebrativo in egual misura, reso tale da una produzione irreprensibile. Non serve dire altro al nutrito numero di sostenitori del gruppo. Potete andare sul sicuro.

Contatti:

peaceville.com/bands/darkthrone
facebook.com/Darkthrone

SONGS: Tundra Leech, Burial Bliss, Boreal Fiends, Inbred Vermin, Arctic Thunder, Throw Me Through the Marshes, Deep Lake Trespass, The Wyoming Distance




Nessun commento:

Posta un commento