venerdì 19 aprile 2019

HOPESEND - "L'INFERNO PUO' ATTENDERE"






IL NOME DEGLI HOPESEND SIGNIFICA THRASH METAL. QUESTA BAND, ATTIVA DA BEN 19 ANNI, RIMANE ANCORATA AL PROPRIO BACKGROUND E LEGATA A QUELLO SPIRITO OLD-SCHOOL CHE NON CONOSCE IL LOGORIO DEL TEMPO. NON SI PUO' NON RICONOSCERE A QUESTI MUSICISTI UNA COERENZA INDOMITA NEL PORTARE AVANTI IL VERBO DEL METAL ITALIANO PIU' TRADIZIONALISTA. A TESTIMONIARLO CI SONO IL CHITARRISTA ILARIO SUPPRESSA E IL BASSISTA/CANTANTE GIUSEPPE DE BENEDITTIS CHE, CON LE LORO RISPOSTE ALLE MIE DOMANDE, RAFFORZANO ULTERIORMENTE UN'ATTIDUDINE INOSSIDABILE, ORMAI CEMENTATA DOPO TANTI ANNI DI SACRIFICI E DEDIZIONE ALLA CAUSA. ECCO PERCHE' HO DECISO DI FARLI SUONARE NELLA PRIMA EDIZIONE DEL SON ON FLIES WEBZINE FESTIVAL, SABATO 27 APRILE.

Ciao ragazzi, ben ritrovati. Come state vivendo questo attuale periodo con la band? Sono trascorsi più di quattro anni dal precedente album in studio "Bloody, Twilight...and Other Visions", quindi mi piacerebbe sapere quali saranno le prossime novità per gli Hopesend.

Ilario: Ciao Christian. Un saluto a tutti i lettori di Son of Flies! Sì sono passati un po' di anni dalla pubblicazione del disco, e nel frattempo c'è stato un cambio di line up. Purtroppo il chitarrista Mirco Minosa ha dovuto lasciare la band per motivi di lavoro e quindi c'è stato un periodo di stop per noi. Mirco, negli anni, ha dato veramente tanto agli Hopesend, e anche dopo la sua forzata decisione non ci ha fatto mancare il suo supporto e si è reso disponibile a dare una mano a chiunque lo avesse sostituito. Fortunatamente abbiamo trovato in Fabio la persona ideale per continuare a dare la giusta energia al nostro progetto.

Giuseppe: Nonostante Fabio si sia integrato abbastanza velocemente, la situazione ci ha costretti a dover rallentare l’attività compositiva per qualche tempo in modo da preparare insieme a lui i brani per poter essere pronti ad eventuali date live. Quindi in sala prove non ci siamo mai fermati, e nonostante gli impegni personali di ognuno di noi, siamo riusciti a tornare gli Hopesend di prima e a comporre nuovi brani per il prossimo album.

Ho notato che nell'ultimo periodo avete avuto una buona attività live, ma sempre nella zona del Salento. State suonando dei nuovi brani che andranno a finire sul prossimo album?

Giuseppe: Il fatto che la nostra attività live si svolga prevalentemente in Salento la reputo una cosa positiva in quanto, ciò significa che la scena metal leccese è ancora viva e lo dimostra il fatto che continuino ad esistere locali, e ne nascano di nuovi che permettono a band metal di poter suonare la propria musica.

Ilario: Sì nell'ultimo periodo abbiamo avuto un bel po' di concerti in zona, e poco alla volta nella nostra scaletta abbiamo inserito qualche nuovo pezzo per testarli in quella che è la dimensione che amiamo di più: il live... (ovviamente suoneremo qualche nuovo pezzo anche al Son Of Flies Fest!!!).

Quanto sono stati difficili gli ultimi anni per una band come la vostra? Quanto è stato faticoso emergere da una terra come il Salento dopo 18 anni di attività nell'underground musicale?

Ilario: sono 19 per l'esattezza! Credo che gli ultimi anni siano stati difficili quanto i primi, ma in maniera diversa! All'inizio è sempre difficile perchè parti praticamente da zero e lavori per crearti il tuo spazio nel già affollato panorama underground, poi col passare degli anni (e non ne sono passati pochi) inevitabilmente comincia a maturare una certa esperienza e di conseguenza cambiano anche gli obiettivi... e probabilmente la difficoltà aumenta di pari passo alle aspettative. Ciò che voglio dire è che all'inizio l'obbiettivo primario era di trovare un buco dove poter montare i nostri amplificatori e darci dentro, ora dopo tanti anni di sangue e sudore felicemente e orgogliosamente consumati nell'underground, l'obbiettivo di trovare uno spazio per esibirci viene dopo (solo come tempistica) aver creato un buon prodotto da promuovere. Insomma, l'underground non ci darà mai ricchezza e gloria, ed è giusto così perchè non è quello che cerchiamo, ma la soddisfazione di sentirsi dire dopo un live “cazzo avete spaccato! Voglio il vostro disco!” è la nostra medaglia al valore!!! Il Salento poi geograficamente non ci aiuta perchè è indiscutibilmente lontano da tutto o quasi, ma non è certo un limite invalicabile, ci sono altri posti nel profondo sud dello stivale da cui sono emerse band di grande valore, e questo è l'esempio chiaro che se lavori bene ovunque tu sia prima o poi la tua fetta di torta arriva.

Trovate difficile organizzare delle date dal vivo fuori dalla Puglia? Penso non sia facile combinare gli impegni di tutti, lavoro compreso. E' penalizzante tutto ciò?

Ilario: Come ho detto poc'anzi, il Salento è lontano da tutto o quasi, e sicuramente è difficile trovare delle date fuori dalla Puglia, per qualsiasi spostamento abbiamo delle spese non indifferenti che comunque pesano a noi come band ma anche a qualsiasi gestore di un locale oppure organizzatore di eventi. Poi, non essendo più degli aitanti ventenni (anche se lo nascondiamo bene) dobbiamo mettere in conto i vari impegni lavorativi e/o familiari di ognuno di noi. Forse dire penalizzante è troppo, ma di sicuro è una situazione difficile.

Sapreste definire l'ispirazione, quando vi ritrovate a comporre in sala prove? Da dove arriva quella scintilla creativa che vi permette di mettere insieme i pezzi che vanno a comporre le vostre canzoni? E' solo frutto dell'esperienza oppure c'è una sorta di chimica tra voi?

Ilario: A volte sono entrambe le cose, altre volte nessuna delle due, definire l'ispirazione con le parole è arduo. Fondamentalmente l'input principale sono sempre i nostri ascolti, siamo innanzitutto dei fan dell'heavy metal in senso lato, ognuno di noi ha le sue personali idee che convergono nei riff che buttiamo giù, ma chiaramente poi c'è tanto lavoro in sala prove dove si valuta ogni possibile soluzione, e a questo proposito devo dire che finalmente negli ultimi brani anche Fabio, il nostro nuovo chitarrista, sta dando il suo contributo in fase compositiva, e personalmente non vedevo l'ora che ciò accadesse.

Giuseppe: Il lavoro compositivo nella sala prove degli Hopesend funziona come in quello della maggior parte delle band. Qualcuno ha un riff nella testa, lo propone ed insieme lo si sviluppa aggiungendo altri riff, ed è così che ognuno di noi lo impreziosisce con i propri arrangiamenti. La chimica nasce durante la composizione di ogni pezzo, quando ognuno di noi va a mescolare le proprie idee ed il proprio background musicale con quello degli altri componenti.

Il vostro rapporto con il thrash metal di vecchio stampo continua ad essere lo stesso di sempre, oppure nel prossimo album ascolteremo qualcosa di diverso o di nuovo?

Ilario: Da sempre suoniamo quello che ci piace, e il thrash metal è il comune denominatore che ci ha sempre tenuto insieme. Nei nostri brani si possono sentire influenze che vanno dai grandi classici rock/heavy degli anni '70/'80 come anche qualcosa di più moderno, ma quello che viene fuori alla fine dalle nostre menti, dalle nostre mani e dalle nostre viscere è sempre quello, e ci piace così!!! Dalle nostre parti si dice “Se unu nasce quadru no po murire tunnu!”

Pensate che la scena metal italiana sia ancora in salute? Ovviamente, la stessa domanda potrei farvela sulla scena metal in generale, anche quella oltreconfine.

Ilario: Decisamente si! Negli ultimi anni sia nella scena nostrana che in quella internazionale ho ascoltato nuove band che magari senza aggiungere grandi novità hanno sfornato dei prodotti notevoli, così come vecchie glorie che tornano sul mercato e continuano a fare scuola. Potrei fare tanti nomi dal prog allo stoner passando dall'heavy classico e quant'altro, ma rischierei di non finire più. Naturalmente non è tutto oro ciò che luccica, ma se continuo a comprare dischi un motivo ci sarà!

Voi che siete dei veterani, riuscite a relazionarvi con la nuova generazione di musicisti? Inutile, ribadire, che molto è cambiato rispetto a quando iniziammo noi ad occuparci di musica...

Giuseppe: Per rispondere a questa domanda basta fare mente locale su ciò che erano i concerti metal underground degli anni '80/'90 e anche 2000. Band squattrinate che suonavano in garage con amplificatori improvvisati, microfoni di plastica (solitamente mai più di uno e solo per il cantante), voci e tastiere collegate ad amplificatori di basso e altri mezzi di fortuna, insomma ci si arrangiava alla meno peggio e i risultati non sempre erano dei più esaltanti. Oggi i musicisti, anche quelli più giovani, sono molto più attenti ai suoni e devo dire anche molto esigenti nei live. Oggi due casse spia sono solitamente la regola anche nei piccoli locali, mentre allora se il pubblico riusciva a percepire o intuire la voce del cantante già era un grande risultato.

Ilario: Oltre a questo ci sono altre notevoli cambiamenti, internet con tutti i suoi pro ed i suoi contro è la differenza chiave, ma volenti o dolenti abbiamo sempre cercato di rimanere al passo con i tempi, e per quanto mi riguarda relazionarsi con le nuove leve è stata la cosa più facile. Magari non sempre, ma spesso i più giovani ci chiedono consigli e fanno tesoro della nostra esperienza, e allo stesso tempo pur con inconsapevole ingenuità ci insegnano qualcosa.

Quali sono le vostre considerazioni in merito alle strategie commerciali adoperate da alcune etichette discografiche indipendenti, ma anche major, per promuovere alcune delle loro band più quotate? Non pensate che si punti troppo sull'immagine oggigiorno, a prescindere dal fatto che anche negli anni '80/'90 il metal è sempre stato un genere molto teatrale.

Giuseppe: Ormai siamo nell’epoca dei social, e la promozione di band emergenti e non, avviene quasi esclusivamente su questi canali, come negli anni '80 e '90 avveniva in TV con emittenti che avevano nel proprio palinsesto programmi dedicati alla musica rock e metal, o su riviste cartacee specializzate di cui noi tutti aspettavamo trepidanti l’uscita ogni mese per sapere le ultime novità di questa o quella band. I tempi sono cambiati, oggi si può ascoltare ciò che si vuole (ahimè) senza uscire di casa e per le band emergenti è più facile arrivare all’ascoltatore, magari con un video fatto bene.

Ilario: Se guardiamo anche più indietro nel tempo, la teatralità in certi generi musicali ha sempre avuto una grande rilevanza, basti pensare a Alice Cooper o altri artisti, ma era un ingrediente aggiuntivo alla musica che comunque era di una certa qualità artistica. Oggi non è sempre così, l'industria discografica è cambiata e infatti alcuni nomi finiscono troppo presto nel dimenticatoio.

Dopo tutti questi anni nella scena metal underground, che cosa ancora la musica riesce a rappresentare per voi? Siete felici per il lungo percorso fatto con gli Hopesend?

Ilario: La musica è l'ossigeno, è il pane quotidiano, è il cane fedele che ti rimane vicino... è la passione incondizionata che tra delusioni e incazzature riesce in qualche modo a darti quella soddisfazione che ti fa andare avanti. Negli anni oltre agli Hopesend ognuno di noi ha o ha avuto altri progetti musicali che ci hanno arricchito e ci hanno dato nuove esperienze e nuovi impulsi, ma indubbiamente non sono mancati gli ostacoli. In fondo non so dire esattamente se sono felice del percorso fatto dagli Hopesend perchè se guardi indietro c'è sempre qualcosa che col senno di poi avresti voluto cambiare, e sicuramente avremmo potuto fare molte cose in più, ma sono contento che gli Hopesend siano ancora qui, dopo urti, intemperie e mazzate varie abbiamo ancora qualcosa da dire!!!

Giuseppe: Se non ci fosse stata la passione per la musica e l’affiatamento tra i vari mebri della band non credo che gli Hopesend sarebbero potuti esistere e continuare la loro attività ininterrottamente per quasi 20 anni. Non nego che, a causa dei vari impegni e le diverse vicissitudini personali di ognuno di noi in tutti questi anni, non è stato semplice mantenere unita la band, ma se siamo ancora qua ci sarà un motivo.

Grazie per l'intervista.

Hopesend: Grazie a te! Son Of Flies Rules!!!!!!!

Contatti: 
reverbnation.com/hopesend 
facebook.com/Hopesend 

HOPESEND line-up:
Giuseppe De Benedittis: Basso, Voce
Ilario Suppressa: Chitarra
Fabio Martina: Chitarra
Gianni Lezzi: Batteria


Nessun commento:

Posta un commento