giovedì 28 novembre 2019

VIOLATION WOUND "Dying to Live, Living to Die" - Peaceville Records




Un modo semplice per misurare la percentuale di credibilità di un musicista è usando come termine di paragone la sua storia. Qui viene chiamata in causa una leggenda del death metal statunitense: Chris Reifert, batterista e cantante dei seminali Autopsy. Il motivo? E' ritenuto direttamente responsabile di un'altra spietata carneficina sonora, ma questa volta per mano dei VIOLATION WOUND, progetto parallelo che lo vede impegnato alla voce e chitarra. Si può tranquillamente dire che l'intenzione è quella di rispolverare le proprie origini hardcore-punk-rock and roll, spogliando la verità su parte del suo background musicale rafforzato nel corso della giovane età. I trenta minuti scarsi dell'album scorrono veloci, dipanandosi a rotta di collo in canzoni sviluppate in maniera semplice, diretta, e in una concatenazione del tutto naturale. "Dying to Live, Living to Die" è stato condito con l'umorismo nero e politicamente scorretto dei testi, e arricchito con l'immaginario sinistro ad opera del sempre ispirato Wes Benscoter (le sue macabre copertine per grandi nomi come Slayer, Kreator, Sinister, Broken Hope, Mortician, Hypocrisy, Incantation, Nile, Vader, gli stessi Autopsy e tanti altri ancora, sono ormai considerate un'istituzione nel panorama del metal estremo). Di sicuro i Violation Wound non diventeranno mai uno dei nomi di punta della scena, ma se presi senza alcuna pretesa e per il solo scopo di divertimento, faranno pogare a viso aperto anche i morti. Le corna al cielo per chi ci mette esperienza, cuore e passione. Non serve aggiungere altro!

Contatti:
facebook.com/Violationwound
instagram.com/violationwound

Songs:
Off With His Head, Guns! Guns! Guns!, No Consequence, Follower, Lack Of Focus, Dead Flags, Exorcism Of Ignorance, Neighborhood Psycho, The Day Lemmy Died, Stress Bomb, Chainsaw Brain, Dying To Live Living To Die, Last Pill In The Bottle, Pay To Hate, Insult Culture, Pick Up The Crumbs, Losers And Freaks, Hostage


Nessun commento:

Posta un commento