lunedì 8 dicembre 2014

Intervista: THANATOS - "L'ORA DELLA PURIFICAZIONE"






E' UN ONORE PER ME DARE SPAZIO AD UN GRANDE MUSICISTA COME STEPHAN GEBEDI CHITARRISTA CANTANTE DEI THANATOS (OLTRE CHE COMPONENTE DI ASPHYX E HAIL OF BULLETS), UNO DEI GRUPPI STORICI DEL DEATH METAL EUROPEO. 30 ANNI DI ONORATA CARRIERA LA DICONO LUNGA SU QUESTA FORMAZIONE. IL NUOVO "GLOBAL PURIFICATION" E' UNA MAZZATA IN PIENO VOLTO E SONO CERTO FARA' LA GIOIA DI TUTTI I DEATHSTER PIU' INTRANSIGENTI.

1. Ciao Stephan. Come va in questo periodo?

- Ciao, beh se devo essere sincero, negli ultimi due mesi ho avuto alcuni momenti difficili a livello personale, ma in questo momento è tutto ok.

2. Prima di tutto, congratulazioni per il vostro nuovo lavoro "Global Purification". Lo sto consumando da quando è uscito nel mese di novembre. Quanto tempo è stato impiegato per scrivere e registrare i brani?

- Grazie Christian, è sempre bello sentirsi dire queste parole. In realtà la scrittura e la registrazione di questo lavoro sono andate abbastanza lisce. Abbiamo iniziato a scrivere le canzoni nell'aprile / maggio 2013.
I brani erano tutti pronti nel gennaio di quest'anno. Le riprese della batteria sono state fatte in Germania nel mese di febbraio. Poi, ci siamo ritagliati un po' di tempo libero per mettere a punto gli accordi delle chitarre e i testi. Nel mese di aprile registrammo le chitarre e il basso nello studio a casa del nostro chitarrista (Paul), mentre nel mese di maggio ho registrato le parti vocali in uno studio qui a Rotterdam. Dan Swanö si è occupato del mix e del mastering nel mese di luglio. L'album era pronto a fine di luglio, mentre l'intera opera è stata completata in agosto.

3. Sei contento di come è venuto fuori il disco? Ha soddisfatto le vostre aspettative/aspirazioni? "Global Purification" rispecchia quello che un disco dei Thanatos dovrebbe essere in questo particolare periodo storico?

- Sì, sono soddisfatto e lo stesso vale per l'intera band. Il risultato finale rispecchia ciò che volevamo. In questo momento non c'è niente che cambierei dell'album o del suono.

4. Sei ancora entusiasta di far parte di questa band dopo 30 lunghi anni di attività?

- Diciamo che mi sono emozionato ancora una volta ascoltando questo bel disco uscito a 30 anni di distanza dalla nascita della band. Si, sono davvero entusiasta di far parte dei Thanatos. Ci sono stati dei momenti in cui volevo staccare nuovamente la spina da questa band, anche perché molte volte ci siamo ritrovati a combattere una battaglia senza fine con le merdose etichette discografiche, poi, si è aggiunta la sfortuna e la cattiva promozione riservata alla band ecc. Ma io sono molto contento che abbiamo perseverato e sono felice che finalmente siamo riusciti a trovare una buona etichetta discografica, capace di supportare adeguatamente la band. ...Naturalmente i ricordi che vanno alla pubblicazione del nostro primo disco rimarranno sempre speciali...



5. Hai mai pensato di scartare del materiale sonoro nel periodo in cui stavate scrivendo le canzoni per questo "Global Purification"? Intendo dire qualcosa che ritenevi poco efficace o che non poteva adattarsi sul disco...

- Non proprio, se avessimo avuto dei riff poco efficaci o idee non buone le avremmo sicuramente buttate via. Dopo aver scritto 10 buone canzoni, ci siamo fermati con il processo di composizione e abbiamo iniziato a registrarle. Non c'è stato tempo sprecato.

6. I Thanatos hanno avuto una lunga storia nella scena del metal estremo e il nome della band è ormai conosciuto in tutto il mondo... molta gente vi segue e vi supporta. Avresti mai immaginato di arrivare fino a qui con i Thanatos? Siamo nel 2014 e sono trascorsi 30 anni. E' incredibile!

- Haha, credo che nessuno che inizia a suonare in una band potrebbe mai pensare a 30 anni in avanti. A quei tempi volevamo solo suonare musica veloce e pesante ed essere più estremi di tutte le altre band olandesi attive in quegli anni... Ci siamo ispirati agli Slayer, ai Venom, alle prime demo di Possessed, Mantas, Hellhammer / Celtic Frost etc.. Volevamo fare qualcosa di altrettanto estremo. In Olanda ci sono stati un paio di gruppi estremi che suonavano un po' più veloce di noi, ma nessuna vera thrash / death / metal band.

7. Il vostro sesto album "Global Purification" è uscito nel novembre del 2014 e sembra stia piacendo molto ai fan della band ma anche ai magazine di settore. Che differenze riscontri tra queste nuove canzoni e quelle presenti sui vostri album precedenti?

- Penso che il nuovo disco sia più o meno la continuazione del precedente "Justified Genocide", ma questa volta un po' tutto ha funzionato meglio; le canzoni sono più forti e più compatte e nel complesso anche i suoni dell'album. La produzione è migliore, l'artwork di copertina è davvero ottimo. Tutto è al posto giusto. "Realm Of Ecstasy" del 1992 è sempre stato il mio album preferito dei Thanatos, ma con "Global Purification" sono abbastanza sicuro che abbiamo finalmente superato quel lavoro...

8. Quali band hanno influenzato la musica di Thanatos?

- Per lo più gruppi come Venom, Slayer, Dark Angel, Possessed, Death e Celtic Frost... ma se si guarda un po' oltre credo siamo anche stati influenzati dai Mercyful Fate o dai vecchi Iron Maiden. In linea di massima sono fondamentali tutte le band con cui siamo cresciuti.

9. Quando hai capito che il Death Metal era il genere che ti avrebbe rappresentato meglio?

- Quando l'ho ascoltato per la prima volta, haha!

10. Grazie Stephan. Grazie per la tua disponibilità. Buona fortuna per tutto!

- Grazie a te e spero di vederti in uno dei nostri prossimi concerti. Cheers!



CONTATTI: thanatos.info - facebook.com/thanatos333


THANATOS line-up:

Stephan Gebédi - Voce, Chitarra
Paul Baayens - Chitarra
Yuri Rinkel - Batteria
Marco de Bruin - Basso


BAND picture by Erik Wijnands


RECENSIONE:
THANATOS "Global Purification" 2014 - Century Media


Nessun commento:

Posta un commento