mercoledì 28 ottobre 2015

Recensione: CORRECTIONS HOUSE "Know How to Carry a Whip"
2015 - Neurot Recordings




Le martellate industriali che sviscerano le capacità compositive dei già noti e rispettati Scott Kelly (Neurosis), Mike IX Williams (Eyehategod), Sanford Parker (Nachtmystium), e Bruce Lamont (Yakuza) si fanno ancora più pesanti e terrificanti in questo secondo disco messo in commercio dalla prestigiosa Neurot Recordings. Il titolo "Know How to Carry a Whip" sintetizza gli aspetti distruttivi che i CORRECTIONS HOUSE modellano con le loro intuizioni deliranti. La bestia selvaggia ritorna in strada con una sfrenata rabbia interiore, attivata metodicamente per sfregiare il volto dei rivali. Questa furia è la manifestazione di molteplici azioni violente incontrollabili, le stesse che trafiggono l'involuzione di ogni singolo uomo moderno. Attraverso la musica, i Corrections House lanciano dei messaggi precisi, perciò, lasciano che l'istinto primordiale prenda il sopravvento. L'intero "KHTCAW" è una presa di posizione concreta, ecco perché aiuta a capire cosa c'è di negativo e corrotto nel mondo in cui viviamo. Disturbanti e spietati.

Contatti: 

correctionshouse.bandcamp.com
neurotrecordings.com/artists/correctionshouse 
facebook.com/CorrectionsHouse 


TRACKLIST: Crossing My One Good Finger, Superglued Tooth, White Man's Gonna Lose, Hopeless Moronic, Visions Divide, The Hall of Cost, When Push Comes to Shank, I Was Never Good at Meth, Burn the Witness


Nessun commento:

Posta un commento