lunedì 9 aprile 2018

Recensione: RUINED NATION "Restart"
2018 - WOOAAARGH | Hecatombe Records




Sulla linea di confine che sempre esisterà tra hardcore e grindcore, si situa il secondo album di questo gruppo austriaco dal nome che evoca un significato di forte impatto, significato che è insito nei "geni" di chi utilizza la rabbia come arma per ribellarsi contro il sistema. Perché i RUINED NATION non sono altro che l'ennesima formazione capace di rendere giustizia ai due generi musicali succitati. "Restart" è un disco cinico, implacabile, cementato da chitarre tanto arcigne quanto puntuali quando si tratta di aggredire l'ascoltatore, rinvigorito da una sezione ritmica desiderosa di mantenere la tensione di fondo ai massimi livelli. Giusto spendere qualche parola positiva sulla prova vocale del bassista/cantante Markus Matzinger, che assume il ruolo di catalizzatore: la sua attitudine sfrontata è destinata a prendere il sopravvento all'interno di un suono granitico e per certi versi inattaccabile. Purtroppo "Restart" segna lo scioglimento (annunciato) di questa realtà formata da membri di Implore, Six-Score, MJK, UGF, Blechophon. Da prendere in seria considerazione.

Contatti: 
wooaaargh.bandcamp.com/ruined-nation-restart
facebook.com/ruinednation4020

TRACKLIST: Bareness, Suffer, Trapped, Trust, C.O.Y.O., Heinz-Christian, Under Control, Same Ol' Story, Pathetic, Restart, Created By Humans, Painted Black, Borderline


Nessun commento:

Posta un commento