mercoledì 18 aprile 2018

Recensione: MYRA "FCK VLK"
2018 - Autoproduzione




Dopo aver pubblicato tre album in tredici anni di carriera, i tedeschi MYRA mostrano al pubblico il rapporto tra modernismo e musica heavy. "FCK VLK" è la prova che partendo da sonorità "nu metal" si può anche produrre un lavoro discreto, scorrevole, di facile presa, caratterizzato da testi di evidente pregnanza sociale. "FCK VLK" è nettamente superiore alle precedenti releases messe in commercio negli anni passati, sotto vari punti di vista, nonostante la formula adoperata mantenga l'andamento delle dieci songs standardizzato. Credo che la loro sia stata una scelta ponderata. Io stesso ho voluto approfondire attentamente il nuovo lavoro prima di scrivere le mie righe per questa recensione. C'è potenza, ma anche melodia lì dove serve, come ad esempio in "Keepers Code" (il brano migliore del lotto); perciò non lasciatevi condizionare negativamente dall'etichetta "metalcore" appiccicata sul nome dei Myra. In definitiva, un valido ritorno. Da segnalare.

Contatti: 
myra-metal.de 
facebook.com/myraofficial

TRACKLIST: FCK VLK, Ratcatchers, Keepers Code, Together, Pile of Trash, Walls, Prove Me Wrong, Possessions, Broken Windows, Overcome




Nessun commento:

Posta un commento