lunedì 12 marzo 2018

Intervista: RAPTURE - "UN VORTICE DI VIOLENZA"






ECCO A VOI I THRASHER GRECI RAPTURE, DA POCO TORNATI ALLA RIBALTA GRAZIE AD UN NUOVO ALBUM DI TUTTO RISPETTO COME "PAROXYSM OF HATRED", E PRONTI A RIVERSARE SU DI VOI LA LORO VIOLENZA. DI SEGUITO IL RESOCONTO DELLA MIA CHIACCHIERATA CON IL CANTANTE/CHITARRISTA APOSTOLOS PAPADIMITRIOU.

1. Ciao Apostolos. Grazie per aver accettato di rispondere alle domande per questa mia intervista. Per cominciare, vorresti presentare la band per quelli che non hanno mai ascoltato la vostra musica?

- Ciao! Grazie a te per questa opportunità. I Rapture sono attivi dal 2013. L'attuale line-up si era già assestata nel 2014. Dopo due demo, abbiamo scritto il nostro primo album uscito poi per la label Witches Brew. Un anno dopo pubblicammo il nostro EP "Total Madness Reigns" come autoproduzione. Il 22 gennaio di quest'anno ha visto la luce il secondo disco "Paroxysm of Hatred", messo in commercio dalla spagnola Memento Mori Records, e da quel momento stiamo ottenendo un feedback positivo e incoraggiante. Insomma, siamo molto impegnati per promuovere la nostra musica, suonando in giro per farci conoscere il più possibile. Il primo concerto a supporto del nostro ultimo album è stato fatto il 27 gennaio al Dark Winter Meeting festival di Malta, e ce ne saranno molti altri a venire.

2. L'esigenza principale dei Rapture è suonare thrash metal all'ennesima potenza, e devo dire che quello che fate vi riesce bene. Come siete arrivati a questo livello di tecnica e aggressività?

- Nella musica è fondamentale fare ciò che si sente. Noi non stiamo forzando nulla, semplicemente ci impegnamo per suonare nel modo che ci piace, e questo ci fa sentire sazi e soddisfatti.

3. Il nuovo "Paroxysm of Hatred" è davvero micidiale, e mi congratulo con voi per questa ottima release! Vorrei sapere cosa pensi tu dell'album. Te lo chiedo perché mi sembra che ci sia un legame fortissimo tra il vostro essere musicisti preparati e l'atteggiamento old-school, per così dire...  

- Grazie mille! Siamo più che contenti di essere onesti, prima di tutto con noi stessi. Il disco è il frutto di un processo creativo/compositivo durato quasi 3 anni, dal momento che ci stavamo lavorando dall'inizio del 2015. Si potrebbe persino dire che è il nostro "bambino appena nato", e al momento è la nostra prima priorità. Lo stiamo promuovendo suonando in Grecia e all'estero.

4. Come sono andate le sessioni di registrazione dopo tre anni di duro lavoro in sala prove?

- Non posso calcolare quante ore abbiamo trascorso in studio. Harris (il produttore) è un nostro caro amico, quindi l'intero processo si è svolto in un ambiente davvero amichevole e rilassato. Questo ci ha aiutato molto e fortunatamente abbiamo avuto abbastanza tempo per provare diverse cose. In questo modo siamo riusciti a raggiungere il risultato migliore per il nostro materiale.

5. Questo nuovo full-length è la vostra prima uscita per la Memento Mori. Perché avete deciso di non continuare la collaborazione con la Witches Brew? Cosa vi aspettate dall'etichetta spagnola?

- Ovviamente la decisione è stata presa di comune accordo tra noi. La nostra evoluzione musicale doveva essere supportata da un'etichetta più rodata. Questo riassume la nostra scelta. Dato che Raul (il proprietario della Memento Mori Records) è una persona dedita alla scena underground, le nostre aspettative erano davvero alte, e ad essere onesti ha fatto più che abbastanza per i Rapture. Il suo interesse nei nostri confronti e il suo sostegno al nostro materiale hanno fatto la differenza per farci fare un passo in avanti.

6. Potresti descriverci una giornata tipo nella vita dei Rapture? Quali sono gli aspetti che preferite quando vi ritrovate in sala prove?

- Beh, di solito proviamo la nostra setlist e dopo suoniamo delle cover di gruppi che ci piacciono. Nelle pause, parliamo di cose che accadono nella nostra vita e di tutto quello che viviamo ad di fuori della band. La cosa che preferiamo è comporre nuovo materiale, quello che ci piace meno è quando qualcuno arriva in ritardo in sala prove. :)

7. Va bene, grazie per questa intervista. Altro da aggiungere?

Grazie a te! Solo una cosa da aggiungere: PAROXYSM OF HATRED REIGNS.


CONTATTI:  
rapturegreece.bandcamp.com/album/paroxysm-of-hatred 
facebook.com/ThrashRapture

RAPTURE line-up:

Apostolos Papadimitriou - Voce, Chitarra
Nikitas Melios - Chitarra
Stamatis Petrou - Basso
Giorgos Melios - Batteria

RECENSIONE: 
RAPTURE "Paroxysm of Hatred" 2018 - Memento Mori


Nessun commento:

Posta un commento