mercoledì 21 giugno 2017

Recensione: KEOSZ "AVA"
2017 - Cryo Chamber




Lo slovacco Erik Osvald è uno dei compositori più talentuosi del panorama dell'ambient music. Sebbene sconosciuto ai più, KEOSZ può contare su una buona esperienza, e questo lo si poteva capire ascoltando il debutto "Be Left to Oneself" (2016). Il ragazzo mescola con grandissima abilità forme sonore mutevoli, attingendo da varie fonti spaziali. Questo nuovo "AVA" è sicuramente uno dei più intensi lavori del 2017 che danno lustro ad una scena musicale sempre in movimento e all'avanguardia. Keosz ci descrive panorami evocativi e visioni cosmiche con sonorità dilatate che tessono melodie imprevedibili. La sostanza multiforme emanata dalle composizioni ha un ruolo fondamentale, perché arricchisce il disco in senso suggestivo e infomativo. Erik dimostra che l'originalità nell'approccio creativo sta nel cercare di evitare di clonare i dischi del passato. Imperdibile!

Contatti: 

cryochamber.bandcamp.com/album/ava 
facebook.com/KeOSzMusic


TRACKLIST: Aquitted from Illness, All I Had To Do, AVA, Nothing Left But Gloom, Consigned To Limbo, Behind The Horizon Of Preconceptions, Resurrection From The Dust, Equanimity Of The Senses, They Took All I Had, Farewell To Hollow Space

Nessun commento:

Posta un commento