lunedì 29 maggio 2017

Intervista: BUFFALO GRILLZ - "MAI DEMORDERE"






CON PIACERE HO AVUTO LA POSSIBILITA' DI PORRE CINQUE DOMANDE A BRUCIAPELO AD UN AMICO DI VECCHIA DATA: ENRICO GIANNONE (EX-UNDERTAKERS, EX-CIAFF), CANTANTE DEI BUFFALO GRILLZ. UNA BREVE CHIACCHIERATA PER APPROFONDIRE IL NUOVO ALBUM DELLA SUA BAND, E NON SOLO...

1. "Martin Burger King" riprende per filo e per segno lo stile che aveva caratterizzato i vostri due precedenti album. Qual è la prima cosa che ti attraversa la mente pensando al nuovo disco in studio?

- La prima cosa che penso è che Cinghio mi "sfrutterà a dovere" con le metriche e perciò temo il peggio. A parte questa battuta, credo che la realizzazione di un album sia comunque un momento davvero importante per una band, anche se onestamente preferisco di gran lunga l'attività live. Posso dire che il livello compositivo si è alzato in maniera incredibile con l'ultimo lavoro, sia a livello di struttura che di suono.

2. Essendo "Martin Burger King" una release votata al grind (in primis), pensi che la coerenza in fase di composizione sia stata indispensabile per ottenere dei risultati soddisfacenti?

- Io ti posso dire che so fare solo quello, mi diverto a fare questo tipo di musica. Cito il buon Pacio: "l'allegria nella musica non è una cosa che ci rappresenta". Poi, ovviamente, l'atteggiamento può essere ironico ma questo è tutt'altra cosa. E' molto facile rimanere coerenti sulle cose che ti piacciono, e da questo punto di vista sono un privilegiato.

3. Ti approcci alla musica estrema con lo stesso entusiasmo di un tempo?

- Alcune priorità sono decisamente cambiate, ho anche altre esigenze, ma sostanzialmente rimango il saltimbanco di sempre. Mai prendersi troppo sul serio, ma faccio seriamente since 1992.

4. Qual è il messaggio che desiderano trasmettere i BUFFALO GRILLZ? La ragione che li tiene ancora in vita?

- Probabilmente quello di divertirsi nel vedere la facce attonite della gente quando ascolta o guarda un nostro live; come sempre il monicker il grind si subisce: quindi non si balla, non si canta, qui si prendono mazzate e basta, magari con una risata, con un testo irriverente, ma sono sempre mazzate. Fin quando saremo così andremo avanti all'infinito senza scadenze, senza mete prefissate. Un solo traguardo, divertirsi.

5. Sei felice di tutto ciò che hai fatto finora? Sia nella tua personale carriera musicale (Undertakers, Ciaff, Buffalo Grillz) che lavorativa (Kick Promotion Agency, Time To Kill Records). Rimpianti? Errori? Quali le tue speranze per il futuro?

- Mi reputo una persona felice che ha la possibilità di fare quasi tutto quello che vuole: la gente crede che sia facile, che sia comodo, invece no... perseguire quello che vuoi è un lavoro fatto di fatica, di rinunce, di bocconi amari, di tempo non a disposizione, anche di rappporti umani bruciati... ma c'amma fa, questo ci piace ed io morire con il rammarico che non sono riuscito a provare qualcosa...

6. Enrico, GRAZIE per l'intervista!

- Grazie a te Chri.


CONTATTI:

buffalogrillz.bandcamp.com/martin-burger-king
buffalogrillz.com
facebook.com/buffalogrillzgrind


BUFFALO GRILLZ line-up:

Tombinor - Insults
Cinghio - Hi Noise
Pacio - Low Noise
Mizio - Blast


RECENSIONE:
BUFFALO GRILLZ "Martin Burger King" 2017 - Subsound Records


Nessun commento:

Posta un commento