venerdì 31 marzo 2017

Recensione: MASTODON "Emperor Of Sand"
2017 - Reprise Records




Setacciando la materia racchiusa nel corpo di 'Emperor Of Sand', diventa chiaro che quando si ritorna a parlare degli americani MASTODON si chiama in causa una band eccelsa e capace di spiazzare le aspettative dei tanti fan. Un altro fattore sbalorditivo è constatare quante cose non si notino solo perché sono vicine, soprattutto durante il primo ascolto. Niente è per caso nel loro universo sonoro. Quindi, cosa accade quando si coniuga ai massimi livelli il binomio esperienza-creatività? Quando si mette in gioco l'ecletticità maniacale di Brent Hinds, Troy Sanders, Brann Dailor, Bill Kelliher? L'impensabile che si materializza. Quattro musicisti uniti in una sinergia che mira a sondare il movimento delle idee per catturarlo nella sua vera genesi. Così può realizzarsi quella prospettiva unitaria che "guarda lontano", oltre il già detto, il già fatto. Qui si calcola la distanza tra l'inventiva funzionale al prodotto, a tratti con finalità strategiche, ma che fa presa diretta sull'ascoltatore; un indispensabile punto di vista che è totalizzante, sostanzialmente accurato, fondamentale nella misura in cui ribalta ogni emozione. I Mastodon hanno escogitato un prezioso oggetto-altro, mettendo nuovamente sotto i riflettori le proprie "camaleontiche" visioni, il proprio sentire, carico di intelligenza. Due ospiti d'eccezione da menzionare: Kevin Sharp (ex-Brutal Truth, Venomous Concept, Lock Up, Primate) canta su 'Andromeda', Scott Kelly (Neusosis, Blood & Time, Shrinebuilder, Corrections House, Tribes of Neurot...) su 'Scorpion Breath'. In cabina di regia Brendan O'Brien ('Crack the Skye'). I Mastodonti di Atlanta possono vantare oggi una invidiabile maturità di stile, e dopo un'incessante ricerca iniziata nel lontano 2000, continuano a reinventare se stessi, mantenendo l'unicità e l'originalità. Una delle uscite più attese del 2017.

Contatti: mastodonrocks.com

TRACKLIST: Sultan's Curse, Show Yourself, Precious Stones, Steambreather, Roots Remain, Word to the Wise, Ancient Kingdom, Clandestiny, Andromeda, Scorpion Breath, Jaguar God




Nessun commento:

Posta un commento