mercoledì 1 marzo 2017

Recensione: ADAM NERGAL DARSKI "Confessioni di un Eretico"
TRA SACRO E PROFANO NEI BEHEMOTH E OLTRE
2017 - Tsunami Edizioni




Forse nessun artista del XXI secolo ha espresso nella musica estrema, in maniera altrettanto teatrale e convincente di ADAM NERGAL DARSKI, il lato bestiale dell'esistenza. Non la drammaticità di una disagiata condizione della vita umana, ma il sentimento interiore dell'esistere, individuale e intimo, del rappresentare in maniera provocatoria una spiccata avversione contro Dio e tutto ciò che nasce al cospetto della luce divina. Anzi, la realtà dei propri principi è diventata per lui espressione creativa, che solo le canzoni dei suoi Behemoth possono trasformare in valore ardente. Energia sconvolgente, maligna fino al midollo. Anche la battaglia vinta contro la leucemia ha rafforzato il carattere di quest'uomo, dotato di una forza capace di pesare lo sforzo di comprensione della natura umana e del suo funzionamento. La caparbietà, la sua idea estetica dell'Arte, gli hanno permesso di arrivare a quel livello che oggi gli consente di essere uno dei personaggi più stimati all'interno della scena metal. Sia che lo si ami o lo si odi, non si può certamente negare l'abilità di Nergal nel sapersi promuovere e "vendere" per raggiungere la vetta dell'inferno, pur avendo sfruttato discutibili canali di natura prettamente commerciale. Si sa che è diventato una star nazionale come giudice dell'edizione polacca di 'The Voice'. In questo libro di 272 pagine + 16 fotografiche a colori, ci dona la possibilità di leggere e perciò conoscere delle verità a lungo rimaste inconfessate, le fa emergere raccontandosi a cuore aperto, dando loro una voce ed un volto. Tutto racchiuso in diverse conversazioni avute con Krzysztof Azarewicz e Piotr Weltrowski. Desidero rivolgere i miei più sinceri complimenti alla Tsunami Edizioni.


Contatti: tsunamiedizioni.com




Nessun commento:

Posta un commento