giovedì 8 dicembre 2016

Recensione: AGATHOCLES "Commence to Mince"
2016 - Selfmadegod Records




Quanti di voi non conoscono il nome dei belgi AGATHOCLES? Uno dei gruppi più prolifici della scena grindcore, attivi fin dagli '80. Agli inizi si facevano chiamare Necromantical Destructor, mentre dal 1985 al 1987 erano conosciuti come Hellsaw. Fatta la breve premessa, può essere utile far capire di chi sto parlando analizzando con poche parole il full-length "Commence to Mince". Se non ricordo male, dovrebbe essere il tredicesimo album dal lontano 1992. Inoltre, va tenuto in seria considerazione che, la maggior parte delle volte si sono affidati alla pratica dello split album; infatti, nel corso della lunghissima carriera hanno accumulato una valanga di pubblicazioni rivolte esclusivamente a un pubblico di nicchia. E non potrebbe essere altrimenti visto il genere trattato. I 34 minuti di durata della nuova release si trasformano in un assalto sonoro pilotato da ritmi spesso impazziti, esaltanti solo per chi è abituato a masticare queste sonorità. Eppure nella scattante aggressività gli Agathocles sono anche autoironici. La produzione è rigorosamente sporca ed il songwriting basilare, scheletrico e senza fronzoli. Ecco i motivi per cui "Commence to Mince" non riserverà brutte sorprese ai fan della band. Continuando ad ammettere la loro schiettezza di intenti, questi grinder non saranno MAI snobbati. Deciderete da soli da che parte state.

Contatti:

selfmadegod.bandcamp.com/commence-to-mince

SONGS: Bathing in Hate, Noise Abatement Crusaders, Snobhunt, Bad Space Cake, Opportunist Swines, Lights Off, I Piss as Defence, No More Faith, Freeze My Dear, Dark Marks, Black Evil Rays, From Market Place to More Space, Anarchist Spectrum Disorder, King of the Scene, Thanks Man!, Orgulho Americano, Why Do They Gaggle?, Demons in My Head, (Sh)out, Wasted Words, Interrupted, Flag Up your Arse, A Late Abortion, Different Direction, Opgefokt, The Only Honesty, Dadaesque Orange Attack, Hypotrips, Commence to Mince, Excellent Toilet Paper, And the Loser Is, Nazional Sozialist Security, In the City of Opportunists, Kill Thrill, Chinese End


Nessun commento:

Posta un commento