domenica 16 ottobre 2016

Recensione: ULCERATE "Shrines of Paralysis"
2016 - Relapse Records




Alcuni dei gruppi più rinomati nel circuito death metal possono anche essere considerati i migliori in circolazione, ma se attualmente non sono in grado di sintonizzarsi con le necessità della musica tutto si risolve in un gran miscuglio di ingredienti che non combinano l'uno con l'altro. Pertanto mi pare che il punto sia nel saper incanalare gli ascoltatori nella stessa direzione e nell'andare avanti in maniera che ciò che entra in gioco si accordi al proprio universo creativo. Purtroppo poche volte funziona così. La proposta deflagrante dei neozelandesi ULCERATE, oltre a fare progressi su vari fronti, appare sempre carica di espressività. Si tratta di un percorso alla ricerca del livello sonoro successivo, quello che definisce l'intensità dell'esperienza vissuta dagli stessi musicisti. Vorrei aggiungere a tal proposito, visto che si tratta di un argomento estremamente importante all'interno di questo contesto, che gli Ulcerate non hanno mai agito normalmente, pur muovendosi assai minacciosamente o eccentricamente. Ecco perché non è affatto semplice riuscire ad afferrare la loro essenza, a immaginarne la natura e a entrare in relazione con essa. Senza ingannare nessuno, "Shrines of Paralysis" ripercorre un po' tutti gli aspetti del suono voluto dal terzetto, dimostrando, se ce ne fosse ancora bisogno, che si può essere aggressivi senza ricorrere solo ed esclusivamente alla velocità. Personalmente apprezzo i lavori molto dinamici, dove ogni canzone contiene molteplici anime e nello scorrere dei minuti si può attraversare un ampio spettro di densità, soluzioni, arrangiamenti. Gli Ulcerate, come i canadesi Gorguts, fanno leva sulle capacità tecniche per mostrarci i volti nascosti del death metal, per cui dovremmo essergli riconoscenti. Questo CAPOLAVORO sarà disponibile dal 28 Ottobre.

Contatti: 

ulcerate.bandcamp.com
ulcerate-official.com
facebook.com/Ulcerate

TRACKLIST: Abrogation, Yield to Naught, There Are No Saviours, Shrines of Paralysis, Bow to Spite, Chasm of Fire, Extinguished Light, End the Hope




Nessun commento:

Posta un commento