lunedì 24 ottobre 2016

Recensione: TYGERS OF PAN TANG "Tygers Of Pan Tang"
2016 - Mighty Music




Ancora oggi ho un ricordo nitido dei tanti momenti adolescenziali passati in compagnia dei TYGERS OF PAN TANG. Ai tempi la tape originale di "Crazy Nights" girava incessante nello stereo a cassette acquistato dai miei genitori. Grazie a quell'apparecchio scoprii alcune ottime band dei '70 e '80, ma anche numerosi gruppi underground che poi influenzarono la mia vertiginosa esistenza. Quel disco (come altri) mi diede la possibilità di osservare il mondo della musica heavy con occhi diversi e meravigliati, di filtrarlo attraverso un punto di vista attento ai particolari, mentre tutt'intorno non esisteva nulla. Mi isolavo in camera e in quelle quattro mura non c'era nient'altro che la musica che volevo approfondire (Iron Maiden, Metallica, Megadeth, Anthrax, AC/DC, Kiss, Loudness, Bryan Adams, Europe, Queen, gli U2 di "October" e "War"...). Ero rimasto completamente attratto dalla copertina di "Crazy Nights" (1981), e col passare degli anni finii per adorare la voce squillante del cantante John Deverill, i riff graffianti creati da Robb Weir e John Sykes, gasandomi sui ritmi pirotecnici sparati dalla batteria, agli inizi suonata da Brian Dick. Per cui, senza volerlo, il nuovo disco omonimo funge da ponte tra il passato e il presente. Ovviamente, molte cose sono cambiate da quando mossero i primi passi. Ma questi musicisti inglesi, figli adottivi della New Wave of British Heavy Metal, mantengono viva una varietà sonora indubbiamente ammirevole, sorretta da un'anima sgargiante attaccata alle sue evidenti origini. Basilare l'energia trainante sprigionata dell'attuale frontman Jacopo Meille, personaggio carismatico e con una voce che sa emozionare servendosi di ividiabili proprietà tecniche. Fa davvero piacere ritrovare i Tygers Of Pan Tang in piena forma. Il songwritng effervescente va a beneficio della resa finale dell'intero lavoro. Una musicalità incisiva, intrigante, esaltata con maestria dall'abilità del membro fondatore Robb Weir e del suo fido compagno Micky Crystal, abili sulle sei corde. La produzione cristallina e ariosa regala ampiezza ad ogni movimento fatto dai nostri, sia che si tratti di composizioni coinvolgenti appartenenti ad una precisa categoria del rock ("Only the Brave", "Dust", "Never Give In", "Do It Again", "The Devil You Know") o ballate dal gusto nostalgico, emotivo, passionale ("The Reason Why", "Praying for a Miracle", "Angel in Disguise"). Una realtà illustre come gli Alter Bridge gli deve molto. I Tygers Of Pan Tang hanno unito le loro forze per ricreare l'atmosfera che si poteva vivere e respirare nei leggendari anni '80. Solo i più Grandi riescono a trovare le giuste note. Gli auguro lunga vita.

Contatti: 

tygersofpantang.com/official
facebook.com/tygersofpantangofficial

TRACKLIST: Only The Brave, Dust, Glad Rags, The Reason Why, Never Give In, Do It Again, I Got The Music In Me, Praying For A Miracle, Blood Red Sky, Angel In Disguise, The Devil You Know


Nessun commento:

Posta un commento