domenica 28 agosto 2016

Recensione: HELLBRINGER "Awakened from the Abyss"
2016 - High Roller Records




Se con il debutto ufficiale "Dominion of Darkness" (del 2012, sempre su High Roller Records) il trio australiano si era fatto largo all'interno della scena thrash metal, oggi, con il nuovo arrivato "Awakened from the Abyss", questi metallari provenienti da Canberra sfoderano non soltanto le proprie potenzialità compositive, ma anche le diverse componenti che hanno cementato il sound incendiario dei primi album degli Slayer ("Show No Mercy", "Hell Awaits", "Reign in Blood", "South of Heaven", "Seasons in the Abyss"). Ogni brano degli HELLBRINGER riflette il demone dei loro mentori. Tutto questo per ribadire che c'è stato un tempo in cui il metal era animato da uno spirito sincero e animalesco. Fare musica significa esprimere se stessi, per tale motivo/principo, non posso assolutamente colpevolizzare gli Hellbringer se non riescono a lasciarsi alle spalle la fisica immortalità di certi suoni old school. Tirando le somme: "Awakened from the Abyss" è l'ennesimo buon disco di genere, termine, appropriato e non penalizzante.

Contatti: 

hellbringer.bandcamp.com
facebook.com/Hellbringeraus 

TRACKLIST: Fall of the Cross, Coven of Darkness, Realm of the Heretic, Iron Gates, Spectre of Rebirth, Awakened from the Abyss, Dark Overseer


Nessun commento:

Posta un commento