mercoledì 17 agosto 2016

Recensione: BEWITCHER "Bewitcher"
2016 - Diabolic Might Records | Divebomb Records




La prima cosa da ricordare prima di iniziare ad ascoltare un disco come il debutto omonimo dei BEWITCHER è di stappare delle birre ghiacciate da bere a canna, accompagnate da una dose consistente di tabacco fumante. Questo è NWOBHM violento, trasgressivo che si bagna nel siero intossicato dei Venom, i padri fondatori di tali sonorità, consacrati a leggenda. Ma nell'anima dei tre di Portland vaga il fantasma degli Iron Maiden delle origini, Motörhead, Celtic Frost (i riferimenti musicali sono alquanto scontati). Il modus operandi della vecchia scuola non è mai cambiato. Per i Bewitcher conta solo la sostanza, ovviamente connessa ad un certo tipo di attitudine, grezza e ignorante. Se per voi il tempo si è fermato tra la fine dei '70 e gli inizi degli '80, con i Bewitcher potete andare sul sicuro. Posso terminare qui la recensione. L'album è stato registrato, mixato e masterizzato da Joel Grind (Toxic Holocaust, Tiger Junkies, War Ripper) nei Falcon Studios. Sarà disponibile su LP limitato a 500 copie (Diabolic Might Records) e su CD (Divebomb Records).

Contatti:

bewitcher.bandcamp.com
cultofthebewitcher.com
facebook.com/BewitcherOfficial

TRACKLIST: Bewitcher, Speed 'til You Bleed, Sin Is in Her Blood, Wild Blasphemy, Midnight Hunters, Harlots of Hell, Hot Nights Red Lights, Black Speed Delirium, In the Night (The Cult Will Rise)


Nessun commento:

Posta un commento