martedì 24 maggio 2016

Recensione: KATATONIA "The Fall Of Hearts"
2016 - Peaceville Records




Gli svedesi KATATONIA hanno maturato un'esperienza unica a sostegno di una classe "incredibile": tra arte, poesia, illuminazione magnetica. "The Fall Of Hearts" è una spirale vorticosa in un grigio terreno sterrato, un campo abbandonato a se stesso e inzuppato di liquida amarezza; contrasto di innumerevoli sensazioni in uno spazio dimenticato, silenzioso, rotto dalla caduta verticale di un corvo ormai morente. I Katatonia vivono, come tutti noi, un presente decadente e una condizione musicale in cui le contraddizioni più diverse si sono amalgamate, confuse nella dimensione indistinta del digitale. Nonostante i cambiamenti e le sperimentazioni, questi musicisti continuano a mantenere un atteggiamento intenzionale in grado di rivelarsi in tutta la sua magnificenza, ecco perché risultano ancora oggi convincenti e assolutamente coinvolgenti. Non so come sia per gli altri, ma per quanto mi riguarda ritengo che il loro songwriting sia diventato sempre più impegnativo, articolato... almeno, per "The Fall Of Hearts" lo è sicuramente. Il sound prospettico disegnato dalla band, distorto e malinconico, riguarda esclusivamente il volume aereo delle emozioni che, gracili e segrete, ci colgono di sorpresa, come l'assurda e paradossale persistenza di una lotta contro ogni regola. E' un grumo relativo che mette l'uomo al suo centro, smarrito in mezzo ad una vastità così estesa da farlo risultare irrimediabilmente un particolare, una figura ferita cinta da qualcosa che sembra un suo disperato attributo, affogato in mezzo a forze prevalenti. Il gesto artistico dei nostri piega improvvisamente in traiettorie scoordinate e inattese. I nuovi Katatonia sfruttano la potenza espressiva, in modo da creare musica intensa, capace di entrare in "risonanza" con gli ascoltatori. Per provare una grande gioia, bisogna aver conosciuto sofferenze altrettanto grandi. "The Fall Of Hearts" è imperdibile.

Contatti: katatonia.com

TRACKLIST: Takeover, Serein, Old Heart Falls, Decima, Sanction, Residual, Serac, Last Song Before The Fade, Shifts, The Night Subscriber, Pale Flag, Passer, Wide Awake In Quietus, Vakaren (CD/DVD & Deluxe Edition bonus), Sistere (LP & Deluxe Edition bonus), Wide Awake In Quietus (Digital & Deluxe Edition)


Nessun commento:

Posta un commento