venerdì 4 marzo 2016

Recensione: TORCILESS "We Just Want To Grind"
2016 - DIY




La nostra Nazione porta in grembo nuovi progetti musicali, e tra quelli più risoluti ho avuto il piacere di ascoltare e approfondire i grinders TORCILESS, gruppo affiatato che sa dare vigore alla buona sostanza e alla concretezza riportata in musica. Tutto ciò assume maggiore valore se si fa attenzione alla certificazione della rispettiva line-up: Gux (basso, voce) proveniente da Roma, il Capro (batteria), Cola (chitarra) da Fano. Tre amici/musicisti che oltre ad essere esperti in materia possono anche vantare un presente (e un passato) nei vari Nineleven, No More Lies, Go To Run, Buffalo Grillz, Guilty Convicted, Tsubo, Noizer, Diorrhea, Un quarto morto, Muculords, Morke, SuperFun Breakfast, Shotgun Redeemer, Coconute Fudge, inMannaia, Montana, Uranica... Giusto per far capire di chi stiamo parlando. La proposta del trio non porta nessuna innovazione (per scelta!) e avanza con l'unico scopo di far male. I Torciless possono nuocere gravemente alla salute. La produzione cruda vuole riappropriarsi dell'essenza vera della migliore tradizione old school. In fin dei conti loro stessi affermano: "We Just Want To Grind". Come dargli torto? Cinque canzoni prevalentemente suonate a ritmi bestiali. Il tutto farcito con dei testi "no sense", come lo è stato per i Noizer (formazione in cui ha militato Gux). Un EP efferato che ha il merito di contrastare i trend del momento. Anticonvenzionali fino al midollo. Per pochi ma non per tutti. Avanti così.

Contatti: 

soundcloud.com/highwathertzstudio/we-just-want-to-grind-by-torciless 
facebook.com/TORCILESS

SONGS: Torciless, Death Metal Not Dead, Fuckettone, Bataclan Generation, Un verme nel cervello.


Nessun commento:

Posta un commento