mercoledì 21 ottobre 2015

Recensione: DAVID GILMOUR "Rattle That Lock"
2015 - Columbia Records




Molto spesso l'uomo comune è abituato ad osservare le forme animali con un certo distacco, ancor più gli uccelli, che in ogni istante della loro esistenza, sono in fuga da tutto. Alcuni volatili appaiono minacciosi, ombrosi, trascinati dal bisogno di mantenere le distanze dalla nostra realtà. Allo stesso modo vivono e respirano gli artisti solitari, sempre sfuggenti, misteriosi, e costantemente impegnati a rappresentare visioni sentite e indissolubili, ancorate all'apparente normalità quotidiana. Un modo per rifugiarsi in quel senso di isolamento che diventa fonte di creatività. Tutto questo ce lo insegna la storia. DAVID GILMOUR (ex-Pink Floyd) non ha bisogno di ulteriori presentazioni, soprattutto dal punto di vista artistico. Ci troviamo di fronte a uno dei mostri sacri della musica rock, un uomo venuto dal passato che, ancora oggi, in lungo e in largo, vuole ripercorrere attentamente i tratti salienti del suo vissuto, tanto importante quanto emozionante. Ed è proprio "Rattle That Lock", quarto album del cantautore britannico, a raccogliere ogni sfaccettatura di una verità che non può essere messa in gabbia ("5 a.m.", "A Boat Lies Waiting", "In Any Tongue", "Beauty", "And Then..."). C'è tutto quello che ci si aspetta: le atmosfere dilatate incorniciate dal suo tocco/stile inconfondibile, imponente e maestoso, sia quando penetra negli ambienti sconfinati, sia quando si concede alla melodia più rarefatta e distesa ("Dancing Right In Front Of Me", "The Girl In The Yellow Dress"). Anche la title track, posta a ridosso della struttura dell'opener "5 a.m.", propone delle bellissime idee orecchiabili dal ritmo incalzante (il testo, scritto dalla moglie di Mr Gilmour, trae ispirazione dal poema "Paradiso Perduto" di John Milton). Lo scrigno è qui davanti ai vostri occhi, perciò spetta a voi stabilire il senso in cui ruotare il cilindro della serratura. Ascoltando l'intero "Rattle That Lock" si evince che il vero culto di adorazione è riservato a pochi eletti. Prodotto dallo stesso David Gilmour e Phil Manzanera (ex-chitarrista dei Roxy Music).

Contatti: davidgilmour.com

TRACKLIST: 5 A.M., Rattle That Lock, Faces Of Stones, A Boat Lies Waiting, Dancing Right In Front Of Me, In Any Tongue, Beauty, The Girl In The Yellow Dress, Today, And Then...




Nessun commento:

Posta un commento