domenica 5 luglio 2015

Recensione: SINISTER "Dark Memorials"
2015 - Massacre Records




Con "Dark Memorials" i SINISTER hanno deciso di rendere omaggio ad alcuni capisaldi della scena metal con l'unico obiettivo di onorare un passato tanto importante quando indispensabile per molti gruppi che, come loro, sono cresciuti con determinate sonorità. Personalmente, non mi ritengo un amante degli album di cover, ma pur conservando la mia opinione a riguardo, cerco sempre di rispettare le scelte altrui. Ne viene fuori un lavoro duro, compatto, nel quale vengono rispolverate delle vecchie canzoni dei pluriosannati Sepultura, Carcass, Bolt Thrower, Merauder, Death, Kreator, Autopsy, Slayer, Repulsion, Carnage. Niente che possa far gridare al miracolo, sia ben chiaro, anche se nel complesso il risultato finale è efficace. Perché è la grande esperienza accumulata dal gruppo che fa la differenza, che gli consente di mantenere intatta l'atmosfera di alcuni classici del death/thrash metal. "Dark Memorials" colpisce nel segno a partire dal primo pezzo "Beneath the Remains", e per il resto del suo minutaggio non fa che percuotere con un approccio sempre possente. Tutto risulta professionale e abbastanza contagioso. Un lavoro godibile.

Contatti:

facebook.com/SinisterOfficial
sinisterofficialmerchandise.bigcartel.com

TRACKLIST: The Malicious (Intro), Beneath the Remains (Sepultura cover), Exhume to Consume (Carcass cover), Unleashed upon Mankind (Bolt Thrower cover), Master Killer (Merauder cover), Beyond the Unholy Grave (Death cover), Under the Guillotine (Kreator cover), Ridden with Disease (Autopsy cover), Necrophiliac (Slayer cover), Radiation Sickness (Repulsion cover), Blasphemies of the Flesh (Carnage cover), Spiritual Immolation (Re-recorded), Compulsory Resignation (Re-recorded)


Nessun commento:

Posta un commento