mercoledì 10 giugno 2015

Intervista: KATATONIA - "LA LUNGA STRADA"






NEL MOMENTO IN CUI HO AVUTO LA CERTEZZA CHE JONAS RENKSE AVREBBE RISPOSTO ALLA MIA INTERVISTA PER SON OF FLIES WEBZINE SI E' IMMEDIATAMENTE CHIUSO UN ALTRO CERCHIO PERFETTO. OGGI SONO PARTICOLARMENTE FELICE PERCHE' IL MIO COSTANTE IMPEGNO STA CONTINUANDO A DARE I SUOI FRUTTI. HO CONTATTATO IO STESSO IL RINOMATO CANTANTE SVEDESE. QUESTO IL RESOCONTO DELLA NOSTRA BREVE CHIACCHIERATA.

1. Ciao Jonas. Quest'anno i Katatonia hanno festeggiato il 24° anno di attività ed è importante ricordarlo a tutti i lettori. Dal lontano 1991 sono trascorsi tanti anni e nel tempo la band è progredita notevolmente. Siete passati dai primi suoni doom metal ad uno stile che spazia dal gothic metal (se così si può definire) al post-rock più emozionale. Inoltre, oltre ad aver raggiunto la maturazione artistica, siete stati in grado di superare i momenti difficili (tra cambi di line-up e problemi vari). Cosa puoi dirci sul vostro lungo cammino?

- Beh, credo che la nostra sia stata una progressione piuttosto naturale, avvenuta nel corso degli anni. La crescita artistica si è rivelata molto importante per trovare il nostro vero sound. Abbiamo affinato i dettagli per renderci conto della direzione musicale intrapresa. Ci siamo sempre focalizzati sul lato oscuro delle cose, ma, variando continuamente le sonorità, in modo da renderle più interessanti sia per noi stessi che per l'ascoltatore.

2. Non siete mai stati una band convenzionale e sono certo che ancora oggi continuate ad avere le idee chiare quando si tratta di scrivere un nuovo album. Ci sono degli aspetti positivi o negativi nel creare musica di questo genere?

- Si, non ci siamo mai imposti cosa fare o quale direzione seguire, né tantomeno abbiamo ascoltato dei consigli per ottenere più successo. Siamo sempre andati avanti dettando le nostre condizioni. Il lato positivo è, naturalmente, l'essere in grado di concretizzare le proprie decisioni sapendo che tutto nasce dal cuore. In questi giorni non c'è nulla che mi faccia pensare a qualcosa di negativo. Forse, quando ero più giovane, desideravo quel successo che non arrivava mai.

3. I Katatonia hanno sempre avuto il vantaggio di essere un gruppo unico e dall'enorme potenziale suggestivo. A proposito delle mie affermazioni, potrei prendere come esempio il vostro ultimo "Sanctitude". Mi puoi dire qualcosa di più su questo album dal vivo?

- Nel maggio del 2014 abbiamo fatto un tour di 10 date a supporto del nostro album "Dethroned & Uncrowned" che, è la versione rielaborata di "Dead End Kings". Dal momento che avevamo già rivisitato alcune delle canzoni della nostra discografia, decidemmo di unirle insieme per creare qualcosa di speciale in un evento molto particolare. Racchiudere uno dei concerti dei Katatonia in un DVD è stato incredibile. Registrarlo presso la splendida Union Chapel di Londra si è rivelata la scelta giusta, se così si può dire!

4. Qualche anno fa avete già incorporato elementi acustici nella vostra musica, infatti, è la seconda volta che vi presentate in queste vesti. Da dove nasce l'idea di immortalare questo live e per di più in una location così elegante e magica?

- Sempre per una sfida personale! Inoltre, come ho già detto prima, tutto è avvenuto in maniera naturale perché avevamo già sperimentato qualcosa di acustico sull'album "Dethroned & Uncrowned".

5. Sono certo che i fan vorrebbero sapere qualche anticipazione sul vostro prossimo disco. Siete già in fase di composizione? Cosa ci sarà di nuovo? Quali le differenze rispetto ai precedenti album in studio?

- Il materiale sarà molto vario, come da tradizione. Si andrà da parti più suadenti, dark, a sonorità acustiche davvero tormentate, fino ad arrivare a passaggi più pesanti ed heavy. Abbiamo ancora tanto lavoro da fare. Sicuramente sarà un disco molto interessante.

6. Jonas, ti ringrazio di cuore per la tua gentilezza e per la grande disponibilità. E' stato un vero onore intervistarti. Ti auguro il meglio!

- Grazie a te per avermelo chiesto. Il piacere è tutto mio!


CONTATTI:

katatonia.com
facebook.com/katatonia
kscopemusic.com


KATATONIA "Sanctitude" Live Performers:

Jonas Renkse - Voce, Chitarra
Anders Nyström - Chitarra Acustica, Backing Vocals
Bruce Soord - Chitarra Acustica, Piano, Backing Vocals
Niklas Sandin - Basso Acustico
JP Asplund - Percussioni
Silje Wergeland - Guest Vocals


RECENSIONI:
KATATONIA "Sanctitude" 2015 - Kscope Music
KATATONIA "Last Fair Day Gone Night" 2014 - Peaceville Records


Nessun commento:

Posta un commento