martedì 19 maggio 2015

Intervista: ULTRA-VIOLENCE - "LA PERSEVERANZA PAGA SEMPRE"






DOPO AVER PUBBLICATO "PRIVILEGE TO OVERCOME", GLI ULTRA-VIOLENCE HANNO FIRMATO UN IMPORTANTE CONTRATTO DISCOGRAFICO CON LA PRESTIGIOSA ETICHETTA CANDLELIGHT RECORDS CHE, HA DATO ALLE STAMPE IL NUOVO "DEFLECT THE FLOW", ALBUM CHE GARANTISCE ALLA BAND PIEMONTESE UN POSTO DI RILIEVO NELLA SCENA THRASH METAL NOSTRANA. ECCO IL RESOCONTO DELLA CHIACCHIERATA CON IL CANTANTE/CHITARRISTA LORIS CASTIGLIA.

1. Le aspettative per il vostro nuovo album erano notevoli, visto il successo ottenuto con il precedente lavoro "Privilege To Overcome". Avete avvertito pressione durante la realizzazione di "Deflect The Flow"?

- Beh, a dire il vero un po' sì, ahah! Il pensiero costante durante la composizione è sempre stato: "Dobbiamo fare meglio di Privilege!" Non volevamo deludere le aspettative di nessuno, ma soprattutto le nostre. Per quanto ci riguarda siamo molto soddisfatti e riteniamo che le canzoni abbiano raggiunto il livello e gli obiettivi che ci eravamo posti, per quanto riguarda invece la risposta da parte del pubblico le cose sembrano andare parecchio bene leggendo tra commenti e recensioni sul web ma... non ci resta che aspettare per avere una risposta più certa!

2. Come vedi oggi gli Ultra-Violence, ripensando agli esordi? Quanto sono cambiati e quanto sei cambiato tu come persone e musicista?

- Abbiamo iniziato a suonare insieme quasi 6 anni fa ormai, anche se non sembra sia passato parecchio tempo. Onestamente non avrei mai pensato di raggiungere i risultati a cui siamo giunti finora, ma allo stesso tempo mi sembra di non essere andato ancora da nessuna parte e mi sento di essere pressoché all'inizio della nostra carriera come band. Noi siamo cambiati molto, tenendo conto che questi ultimi anni che abbiamo passato insieme sono stati quelli adolescenziali, in cui ci si forma e si diventa adulti. Abbiamo allargato i nostri ascolti e gusti musicali, siamo cresciuti come persone e come musicisti, ma la tenacia e l'entusiasmo per quello che facciamo non sono mai cambiati!

3. Parliamo un po' del vostro nuovo album, "Deflect The Flow", un lavoro che ha mostrato una interessante evoluzione nel vostro songwriting, con delle canzoni più complete e strutturate... Cosa hai da dirci?

- Credo che le canzoni del nuovo album siano molto diverse l'una dall'altra. Alcuni potranno storcere il naso pensando che non abbiamo ancora deciso la giusta direzione da prendere, in realtà ci piace spaziare molto tra i vari tipi di thrash metal e non solo. Cerchiamo di includere tutto quello che scriviamo in modo naturale e trascinante. Le nuove canzoni sono quasi tutte molto lunghe, ma piuttosto che scartare delle parti che ritenevamo valide abbiamo preferito lavorare duramente su tutte le strutture per cercare di renderle scorrevoli e coinvolgenti nonostante il minutaggio.

4. E' cambiato qualcosa nel vostro modo di scrivere la musica per gli Ultra-Violence?

- Il processo di scrittura è rimasto pressoché invariato: partiamo dai riffs di chitarra, buttiamo fuori le idee insieme in sala prove e, dopo aver completato lo scheletro del pezzo, procediamo registrando delle pre produzioni. Personalmente stavolta ho prestato molta più attenzione alle linee vocali, ai testi e e alla loro interpretazione e questo è uno degli aspetti del nuovo "Deflect The Flow" per il quale sono più soddisfatto in confronto al precedente album.



5. Un altro aspetto vincente dell'album è la potentissima produzione. Che differenze riscontri rispetto a quella che ha caratterizzato il vostro precedente lavoro?

- Questo è tutto merito di Simone Mularoni e del suo Domination Studio, che aveva già svolto un ottimo lavoro su "Privilege To Overcome". Stavolta si è superato regalandoci dei suoni potenti ma molto più "veri" riuscendo comunque a rispettare un filo logico sonoro con il lavoro precedente. Mi piace questo sound perché permette alle canzoni di avere molto impatto ma allo stesso tempo non è troppo pesante da stancare l'ascolto dopo pochi minuti, era esattamente quello che ci serviva!

6. In che modo è arrivato il contratto con la Candlelight Records?

- È stata una cosa del tutto inaspettata. Non eravamo nemmeno a metà del processo di scrittura per il nuovo album quando ci è arrivata la loro proposta. Naturalmente abbiamo accettato e abbiamo continuato a comporre con ancora più entusiasmo.

7. Mi dici qual è il collegamento tra il titolo dell'album e l'artwork curato ancora una volta dall'artista Edward J. Repka? Siete così attratti dall'immaginario di Arancia Meccanica, tanto da riproporlo su questo "Deflect The Flow"?

- Ormai è diventata una nostra caratteristica, ahah! Il titolo si collega con la copertina semplicemente per il fatto che i drughi stanno andando contromano deviando quindi il flusso di auto che vanno nella direzione "giusta". Questo concetto è da interpretare in maniera più profonda e meno materiale. E poi si collega con l'album, appunto, perché penso che il fatto che le canzoni siano molto diverse tra loro può portare ad una scissione di pensieri e di giudizi da parte di chi ascolta.

8. Quali progetti vi attendono ora che il disco è uscito? Ho notato che state già suonando oltreconfine...

- Sì, abbiamo ripreso l'attività live sia in Italia che all'estero e stiamo ricevendo un ottimo riscontro. L'intenzione è quella di fare qualche tour dopo l'estate, ma è ancora tutto da programmare. Nel frattempo stiamo partecipando ad alcuni festival estivi tra i quali vi segnaliamo il Metalitalia.com Festival in cui condivideremo lo stesso palco di bands come Testament, Exodus e Onslaught.

9. Grazie per l'intervista. Lascio a te le ultime parole.

- Grazie a te per l'interesse e per averci dedicato questo spazio! Vorrei anche ringraziare chi ci segue e ci supporta e ha già ascoltato il nostro nuovo album. Per chi non l'avesse ancora fatto invece questo è un invito a dargli una possibilità; se amate il thrash metal o la musica metal in generale "Deflect The Flow" non vi deluderà!


CONTATTI:

facebook.com/ultraviolencemetal
ultraviolencemetal.bigcartel.com
lorisguitar94@hotmail.it


ULTRA-VIOLENCE line-up:

Loris Castiglia - Voce, Chitarra
Andrea Vacchiotti - Chitarra
Roberto "Robba" Dimasi - Basso
Simone Verre - Batteria


RECENSIONE:
ULTRA-VIOLENCE "Deflect The Flow" 2015 - Candlelight Records




Nessun commento:

Posta un commento