giovedì 23 aprile 2015

Recensione: NUDIST "See The Light Beyond The Spiral"
2015 - Taxi Driver Records



E' cosa ormai risaputa che in Italia lo sludge/doom/noise sta prendendo sempre più piede, e sono sicuramente numerosi i gruppi alla ricerca di un contratto discografico degno di nota. Fortunatamente i fiorentini NUDIST ce l'hanno fatta a centrare in pieno l'obiettivo. Come? Firmando per la Taxi Driver, etichetta nostrana che, ha da poco pubblicato il nuovo album "See The Light Beyond The Spiral". La formazione toscana non stravolge i canoni del genere, ma riesce a farsi apprezzare per alcuni arrangiamenti ben riusciti, che donano al songwriting un impronta molto più personale e decisamente meno stereotipata (ascoltate la conclusiva "Suicide"). A differenza di tanti loro simili attivi nella scena nazionale, i Nudist sanno perfettamente come risultare imprevedibili ma soprattutto intensi. Pur forgiato con un sound già noto agli appassionati di queste sonorità, "See The Light Beyond The Spiral" può vantare dei brani graffianti ed ossessivi, ognuno con una sua specifica identità. La prova è davvero elettrizzante e va a delineare i tratti di un lavoro non originalissimo forse, ma che si posiziona al di sopra dei soliti standard. Vi sembra poco? Un buon lavoro dal piglio drammatico. Da provare!

Contatti:

taxidriverstore.bandcamp.com/see-the-light-beyond-the-spiral
facebook.com/Nudist
taxidriverstore.com

TRACKLIST: Horror Vacui, Concealed Underground, See The Light Beyond The Spiral, Blind Spiders, Suicide


Nessun commento:

Posta un commento