martedì 28 aprile 2015

Recensione: KATATONIA "Sanctitude"
2015 - Kscope Music




L'evocativo "Sanctitude" dipinge a tinte forti il ritorno dei KATATONIA. Un nuovo viaggio intimista nell'universo maestoso di un gruppo che ha scritto pagine indelebili nella storia della musica emozionale. L'onestà e la spontaneità di questi Artisti svedesi rendono la loro Arte sempre più imperdibile. Il live acustico pubblicato da Kscope Music si concentra su un'ambientazione onirica globale e storica che prende forma dalla necessità di esprimere emozioni delicate, elaborate da una sensibilità tormentata. Poesia, tragedia e perdizione si mescolano insieme per creare un'opera memorabile. E' stupefacente visionare e ascoltare come riescano a trovare l'ispirazione adatta per garantire la quintessenza del proprio messaggio. Difficile riconoscere i Katatonia odierni nella formazione che esordiva nel lontano 1991. Le parti di chitarra sono molto più scure, profonde, penetranti e aggiungono sensazioni decadenti; mentre la voce ipnotica di Jonas Renkse continua ad essere insinuante, catartica, e si muove con disinvoltura in spazi malinconici, significativi, persuasivi e talvolta iterati. Il passo di "Sanctitude" è lento, magnetico, e ci regala un'esperienza sommessa, disperata, ma soprattutto ammaliante. Le sonorità teatrali dei Katatonia si sposano a meraviglia con le ricche tematiche dei vari concept concepiti nel corso di una carriera davvero esemplare. Magistrali e travolgenti. Imperdibile Capolavoro.

Contatti:

katatonia.com
facebook.com/katatonia
kscopemusic.com

TRACKLIST: In the White, Ambitions, Teargas, Gone, A Darkness Coming, One Year from Now, The Racing Heart, Tonight's Music, Sleeper, Undo You, Lethean, Day, Idle Blood, Unfurl, Omerta, Evidence, The One You Are Looking for Is Not Here


Nessun commento:

Posta un commento