giovedì 19 marzo 2015

Recensione: BLACK FLAME "The Origin of Fire"
2015 - Avantgarde Music




Questa è una delle band più rappresentative della scena estrema italiana, i piemontesi BLACK FLAME, attivi sin dall'anno 1998 e con già alle spalle cinque album, escludendo questo "The Origin of Fire" che, segna il nuovo contratto discografico con la nostrana Avantgarde Music. La loro formula compositiva votata ad un death/black metal oscuro e maligno è diventata ancora più acuta, articolata e incisiva. A livello personale, mi sembra che il nuovo full-length sia un grande passo in avanti in termini di composizione (in primis) e produzione. Le canzoni scritte per "The Origin of Fire" hanno lo scopo di trascinarci attraverso un ampio spettro di emozioni terrificanti. Solidi, grintosi e ispirati, i Black Flame sanno quale sentiero seguire per raggiungere la vetta del vulcano in eruzione. Ed è proprio questa grandiosità di manifestazione a non lasciare dubbio alcuno sulla natura del male. Solo trattando materiale di prima scelta si possono ottenere grandi risultati e i quattro musicisti di Andezeno ce lo dimostrano chiaramente. Sebbene non manchino dei margini di paragone con svariati Mostri Sacri del genere, la produzione dei Black Flame riesce sempre a spiccare per qualità e risolutezza. Il puzzle di "The Origin of Fire" svela un quadro d'insieme inquietante che è ben visibile durante il primo giro completo. A livello compositivo è anacronistico pensare che le cose possano tornare come un tempo, ma anche che il processo evolutivo possa fermarsi o invertirsi. L'importante è sempre fare ciò che si vuole. I Black Flame meritano la vostra attenzione. Da non perdere!

Contatti:

avantgardemusic.bandcamp.com/the-origin-of-fire
black-flame.net
facebook.com/officialblackflame
avantgardemusic.com

TRACKLISTING: Wandering Hermit, My Temple of Flesh, Unholy Cult of Rejection, Under the Bridge of Illusions, On the Trail of the Serpent, The Fire Union, The Demiurge, Wounded Torment, The Gateway of the Sun, Lucifer Rising


Nessun commento:

Posta un commento