martedì 20 gennaio 2015

Recensione: UNBORN GENERATION "Dead Generation of Men"
2015 - DIY




Gli UNBORN GENERATION riflettono bene quello che hanno imparato dalle migliori formazioni del grindcore/death metal (Rotten Sound?!?). La band finlandese, dopo aver già confezionato quattro album in soli sette anni, non demorde, non molla e sa come fare musica veloce, mordace e abbastanza intrigante. Il nuovo "Dead Generation of Men" irrompe sul mercato del DIY con una carica esplosiva che, sprigiona ritmi forsennati, lanciati contro l'ascoltatore senza tenere conto dell'entità dei possibili danni. Nessuna rivoluzione, il cuore dei quattro musicisti coinvolti nel progetto pulsa violentemente e questo martellante ed insistente battito meccanico viene alimentato da un senso opprimente di pesantezza incondizionata. I brani presenti nel disco sono brevi, mozzafiato, si avvalgono di una produzione sporca ed incisiva per far capire agli appassionati del genere che lo spirito del gruppo resta immutato nonostante i dodici anni di carriera. L'impostazione compositiva è piuttosto buona, sebbene i riff di chitarra e le componenti utilizzate dalla devastante sezione ritmica siano purtroppo macchiate da una costante sensazione di "già sentito" (doveroso sottolinearlo). Interessante la prestazione del cantante Juho-Pekka Airaksinen, munito di una timbrica lacerante spesso viziata dalla vecchia scuola dell'hardcore. Non so quanto serva criticarli perché si sa che in certe correnti stilistiche, la coerenza è sinonimo di affidabilità, perciò, presumo che i nostri abbiano optato per tale direzione in modo da non snaturare la propria attitudine e il sound che li rappresenta. "Dead Generation of Men" scorre senza problemi rilevanti ma senza lasciare segni indelebili del proprio passaggio. Da tenere d'occhio, in ogni caso.

Contatti:

unborngeneration.bandcamp.com/dead-generation-of-men
facebook.com/UnbornGeneration

TRACKLISTING: The Last Joke, In the Corner, Hall of Pigs, Spugilist, You, Malebolge, Throne of Dismay, Entitlement of War, Forged in the Sun, Hero, Loose Yourself, Duke, Bred for Wolves, Mutilator, Trapped





Nessun commento:

Posta un commento